Aglio come rimedio contro emorroidi. Funziona?

Se hai sofferto di emorroidi sai quanto questo disturbo possa essere doloroso ed imbarazzante.  Nonostante in genere non siano di per sé un problema grave, le emorrodi possono però portare molti disagi alle persone che ne sono interessate: dolori, stress, preoccupazioni, ecc. Ed proprio per questi problemi che la patologia emmoroidale non andrebbere andrebbe prevenuta e – quando presente – non andrebbe assolutamente trascurata.

aglio bianco

A parte i vari prodotti di sintesi che si possono trovano sul mercato per trattare le emorroidi (e che sono sicuro che avrai già provato!) sapevi che é possibile anche utilizzare dei rimedi naturali per avere un sollievo dai sintomi che le emorroidi comportano?

Tra le sostanze naturali più potenti, ma anche più presenti nel nostro teritorio, che sono in grado di lenire i sintomi della patologia emmoroidale c’è l’aglio crudo. Ci sono infatti degli studi accademici che hanno dimostrato che l’aglio crudo può costituire un valido rimedio contro le emorroidi. Vediamo come.

L’aglio

L’aglio e l’allicina

L’aglio (allium sativum) è una pianta bulbosa che spesso viene definita un fiore, una verdura o un’erba.

L’aglio è molto conosciuto per i suoi impieghi in ambito culinario. Ma è anche un rimedio antico, conosciuto per le sue proprietà medicinali utili a curare molte condizioni patologiche.

L’aglio è efficace contro le emorroidi in tre maniere:

  • è un potente antibiotico,
  • riduce la pressione sanguigna,
  • è  un forte antiossidante.

Studi recenti hanno identificato in una sostanza chiamata allucina il principio attivo dell’aglio.

L’allicina è responsabile della maggior parte dei benefici dell’aglio, ed è anche responsabile dell’odore caratteristico del suo bulbo, quel bulbo che usiamo in cucina del suo odore caratteristico.

Per questa ragione é quindi importante utilizzare una qualsiasi fonte di aglio che continui ad emanare ancora il suo odore.

Ma, l’allicina sarà in grado di alleviare i sintomi delle emorroidi?

L’allicina è una sostanza che negli ultimi tempi è stata molto studiata. E’ emerso che questa sostanza costituisce il principale meccanismo di difesa dell’aglio contro i patogeni.

L’allicina ha infatti delle rilevanti proprietà antibatteriche e antifungine, dovute allo zolfo contenuto nella sua struttura. Per questo motivo, l’aglio può anche risultare irritante per i tessuti molli ed il canale anale.

Quando l’aglio viene tagliato o schiacciato, l’allicina in esso contenuta si decompone e si trasforma in un composto chiamato acido 2-propensulfenico. Ed é questo il composto che è responsabile delle proprietà antiossidanti dell’aglio, in quanto è capace di legarsi ai dannosi radicali liberi.

Come agisce

Come agisce l’aglio

L’aglio può essere utilizzato come una supposta per curare le emorroidi.

Infatti, agisce rinforzando le pareti dei vasi, combattendo i germi della regione anale e riducendo l’infiammazione della pelle.

L’aglio possiede delle proprietà antinfiammatorie che donano sollievo all’area infiammata intorno all’ano.

Le proprietà astringenti di questo bulbo aiutano a le pareti dei vasi a riprendersi più velocemente.

Inoltre un clistere di aglio può aiutare a pulire il tratto intestinale ed a ridurre il disagio durante il passaggio delle feci.

Come usarlo

Modalità di utilizzo

Consumare dell’aglio è un modo efficace di alleviare il dolore, il prurito e l’irritazione associati con le emorroidi.

Pastiglie

Potresti considerare la possibilità di consumare delle pastiglie di aglio insieme ai pasti.

Le persone a cui l’odore dell’aglio non piace, possono acquistare delle pastiglie d’aglio inodore in cui il contenuto di allicina è stato rimosso. Queste però costituiscono delle forme impure di aglio, e senza allicina, l’efficacia dell’aglio diminuisce.

Molto buone paiono essere le pastigliere di aglio inodore di Vegavero, acquistabili anche su Amazon.it . Si tratta di un integratore in compresse a base di estratto di aglio (10:1). Una confezione contiene 120 capsule (380 grammi, in totale). La posologia consigliatà è di una capsula al giorno.

Per ridurre l’infiammazione della zona rettale, l’aglio può venire utilizzato anche topicamente.

Supposte

Per utilizzare l’aglio come una supposta puoi pelare uno spicchio di aglio e spingerlo delicatamente nel retto.

Fai agire per tutta la notte e lascia che venga espulso al momento della prossima defecazione.

Ripeti il trattamento tre volte alla settimana per alleviare il dolore, il prurito e l’irritazione.

Non utilizzare l’aglio in caso di emorroidi che sanguinano, poiché potrebbe aggravare la situazione.

Effetti collaterali

Possibili suoi effetti collaterali

In generale, l’utilizzo dell’aglio è sicuro per la maggior parte delle persone adulte adulti, ma può provocare degli effetti collaterali come un’alito cattivo, un  non gradevole odore corporeo.

A parte ciò, può anche provocare disturbi allo stomaco come il bruciore e delle reazioni allergiche.

Consumarlo è solitamente sicuro è non crea particolari problemi.

Gli alti dosaggi di allicina possono però ridurre la capacità coagulativa del sangue, portando ad un’emorragia eccessiva delle emorroidi.

Se noti qualcuno dei sintomi sopracitati, rivolgiti al medico ed informalo delle terapie complementari e alternative che stai seguendo.

Interazioni con farmaci

Possibili sue interazioni

  • L’aglio è conosciuto per la sua capacità di ridurre l’assorbimento di isoniazide che è uno dei principali farmaci antitubercolari di sintesi: perciò, non consumare aglio se stai prendendo dell’isoniazide.
  • Anche assumere dell’aglio mentre si segue una terapia contro l’HIV/AIDS o insieme a inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa, potrebbe diminuire la loro efficacia.
  • Anche le medicine per l’HIV/AIDS come Nevirapina Delavirdina e Efavirenz potrebbero interagire con l’aglio.
  • Quelle persone che assumono quei farmaci che riducono la coagulabilità del sangue (come il Coumadin o Warfarin), dovrebbero evitare di consumare aglio. Considerato che se – per un verso, gli anticoagulanti agiscono preventivamente contro la formazione di trombi, dall’altro aumentano il rischio di emorragie – l’aglio potrebbe anche rallentare la coagulazione. Perciò dovresti evitare di assumerlo in concomitanza dei trattamenti con i seguenti medicinali:
    • Aspirina
    • Clopidogrel
    • Diclofenac
    • Ibuprofene (Brufen, ecc)
    • Naprossene
    • Dalteparina
    • Enoxaparina
    • Eparina
    • Warfarina
Potresti essere interessato anche a:

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.

Questo articolo di Alberto R è stato pubblicato in data 5 novembre 2017 e aggiornato in data 13 gennaio 2018.

Sei pregato di leggere attentamente il disclamer medico  e l'informativa sulle affiliazioni.

Contenuti corrispondenti

Link pubblicitario