L’artrite reattiva: cos’è, quali i sintomi, come si guarisce

L'artrite reattiva ha caratteristiche che sono molto simili ad altri tipi di artrite.

artrite reattiva

L’artrite reattiva

L’artrite reattiva

L’artrite reattiva (ARe) rientra nella famiglia delle spondiloartropatie, che sono delle malattie reumatiche croniche di tipo infiammatorio.

Spesso viene chiamata anche Sindrome di Reiter, anche se con questo termine si indica una specifica forma di artrite reattiva, e non la malattia in generale.

Si tratta di una forma piuttosto dolorosa di artrite infiammatoria.

Si verifica in reazione a un’infezione causata da alcuni batteri. Molto spesso questi batteri si trovano nei genitali (chlamydia trachomatis) o nell’intestino (campylobacter, salmonella, shigella e yersinia).

Un’infezione tra le più comuni è quella causata dal batterio chlamydia trachomatism – la clamidia  che spesso viene trasmessa per via sessuale.

E’ asintomatica nella grande maggioranza – oltre il 70% circa delle donne e il 50% degli uomini – dei soggetti che ne sono infettati.

Le sue eventuali manifestazioni cliniche compaiono dopo una-tre settimane dall’infezione.

Nelle donne si manifesta con una perdita vaginale anomala o con una fastidiosa sensazione di irritazione.

Negli uomini, i sintomi possono manifestarsi con secrezioni o con delle sensazioni di irritazione e di prurito.

I suoi sintomi

Come si manifesta un’artrite reattiva

L’ artrite reattiva può anche essere causata dai batteri delle infezioni gastrointestinali, ma gli scienziati ritengono che le persone che la sviluppano abbiano un certo corredo genetico predisponente.

Il come ciascuno di questi fattori giochi – esattamente – un ruolo in questa nella malattia, è una cosa ancora oggetto di ricerche, anche se probabilmente tutto dipende da persona a persona.

L’artrite reattiva può manifestarsi con uno, o tutti i seguenti sintomi:

  • dolore e gonfiore ad alcune articolazioni (in genere alle ginocchia e/ o alle caviglie),
  • gonfiore e dolore ai talloni,
  • gonfiori delle dita dei piedi, o delle dita delle mani,
  • lombalgia persistente che tende a peggiorare di notte o al mattino.

Alcune persone che soffrono di questo tipo di artrite, hanno anche arrossamento ed irritazione degli occhi.

Altri suoi sintomi sono dati da, un bruciore con la minzione, e da un’eruzione sui palmi delle mani o sulle piante dei piedi.

Le sue cause

Quali le cause dell’artrite reattiva

I batteri che causano l’artrite reattiva sono molto comuni, per cui teoricamente chiunque venga infettato da questi germi potrebbe sviluppare un’artrite reattiva.

Tuttavia, pochissime persone con una diarrea batterica sviluppano anche un’artrite reattiva grave.

Ad ogni modo, ciò che é ancora poco chiaro è il ruolo delle infezioni da chlamydia che non hanno dei sintomi, ed è anche possibile che alcuni casi di artrite di causa sconosciuta siano dovuti alla clamidia.

L’artrite reattiva tende a manifestarsi più spesso negli uomini con un’età compresa tra i 20 ei 50 anni

I soggetti che presentano l’antigene HLA-B27 (un’antigene  che viene associato ad un aumentato rischio di malattie autoimmuni):

  • hanno una maggiore possibilità di sviluppare artrite reattiva (il loro rischio aumenta fino al 20-25%),
  • hanno spesso un inizio dei sintomi più improvviso e più grave,
  • hanno maggiori probabilità di avere dei sintomi cronici (di lunga durata).

Tuttavia possono sviluppare l’artrite reattiva dopo l’esposizione ad un organismo che lo causa anche i soggetti che sono HLA-B27 negativi (quelli cioè che non hanno questo antigene).

La diagnosi

Come si arriva alla diagnosi di un’artrite reattiva

Solo un reumatologo è in grado di diagnosticare l’artrite e le altre malattie reumatiche.

Questo perché queste diagnosi si basano su alcune caratteristiche cliniche e non su dei test.

Le diagnosi si basano in gran parte sui sintomi, e in particolare sulla comparsa del tipico coinvolgimento muscolo-scheletrico (articolare e muscolare).

Un medico di base può eventualmente prescrivere un test per l’infezione da chlamydia trachomatis o un test per lo Human Leukocyte Antigen – HLA-B27.

Per fare ii test per la clamidia si utilizza un campione di urina o un tampone dei genitali.

I trattamenti

Come viene trattata un’artrite reattiva

Il tipo di trattamento si questa patologia dipende essenzialmente dallo stadio dell’artrite reattiva.

la fase acuta

La fase iniziale dell’artrite reattiva è considerata quella acuta.

Un’infiammazione acuta può essere trattata con farmaci antinfiammatori non steroidei, come il Voltaren.

La dose esatta esatta del farmaco varia da persona a persona.

Varia anche il rischio di effetti collaterali di questo tipo di farmaci, come il sanguinamento gastrointestinale (spesso chiamato GI).

Nel suggerire l’assunzione di un FANS, il medico di base valuterà anche il rischio di sanguinamento GI.

la fase cronica

L’ultima fase dell’artrite reattiva viene considerata cronica.

L’artrite reattiva cronica può richiedere un trattamento con un farmaco antireumatico modificante l’andamento della malattia (DMARD, disease-modifying antirheumatic drug) come la sulfasalazina o il metotrexato.

La sulfasalazina può essere più utile quando l’artrite reattiva è scatenata da un’infezione gastrointestinale.

In alcuni casi, le articolazioni molto infiammate possono trarre beneficio dalle iniezioni di corticosteroidi.

Nei casi più gravi, possono essere usati dei farmaci immunostimolatori più potenti chiamati “biologici” come l’Etanercept (Enbrel), un un farmaco per il trattamento di malattie a carattere autoimmunitario, o come l’Adalimumab (Humira), un farmaco utilizzato per ridurre il dolore e la flogosi in alcune malattie artritiche.

In ogni caso, solo solo un medico sa valutare quale farmaco prescrivere, ed in quali dosi.

Potresti essere interessato anche a:

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.

Questo articolo di Alberto R è stato pubblicato in data 31 luglio 2018 e aggiornato in data 17 agosto 2018.

Contenuti corrispondenti

Sei pregato di leggere attentamente il disclamer medico  e l'informativa sulle affiliazioni.

Lasciaci il tuo feedback

Quanto è stato utile questo articolo?
 

Lasciaci il tuo feedback

Questo articolo si basa su studi condotti da esperti e contiene riferimenti scientifici. 

Il nostro team di redattori si sforza di essere obiettivo, imparziale, onesto e di presentare entrambi i lati dell'argomento.

I numeri tra parentesi (1, 2, 3) sono collegamenti cliccabili che riportano ai riferimenti bibliografici dove sono presenti i link ai documenti scientifici utilizzati per redarre l'articolo.

Gli articoli presenti sul sito Segretidelbenessere.it sono revisionati da personale medico, ricercatori oppure verificati per accertarne la qualità e la correttezza.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di ricerca delle fonti e effettuiamo aggiornamenti e revisioni continue per migliorare costantemente la qualità del sito.

Se ritieni che uno dei nostri articoli sia impreciso, non aggiornato o comunque discutibile, ti preghiamo di contattarci attraverso il modulo di feedback presente in fondo a questa pagina.

Al fine di preservare la qualità, il 95% dei contenuti pubblicati su Segreti del benessere è indipendente dagli interessi degli inserzionisti e dei produttori di beni e servizi. 

 

I contenuti pubblicati da - o per - conto di persone che intrattengono un legame personale o economico con il prodotto recensito o l'azienda produttrice sono consentiti solo in determinate circostanze e la loro natura è sempre esplicitamente dichiarata con l'etichetta "Contiene contenuto pubblicitario".

Indica quali sono i

temi di tuoi interesse:

Restiamo in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Ora sei abbonato alla newsletter di Segreti del Benessere. Insieme, stiamo costruendo una grande comunità di persone interessate al benessere. E tu ne fai parte.
Dovresti trovarci nella tua casella di posta ogni sabato mattina alle 8:00 a.m. Se non ricevi l'email, ti preghiamo di controllare la cartella spam o promozioni e di "spostarci" nella tua casella di posta principale per assicurarti di riceverla ogni weekend.

Indica quali sono i

temi di tuoi interesse:

Dedica 5 minuti alla settimana in più al tuo benessere

Unisciti alla community e ricevi la nostra newsletter settimanale

Ora sei abbonato alla newsletter di Segreti del Benessere. Insieme, stiamo costruendo una grande comunità di persone interessate al benessere. E tu ne fai parte.
Dovresti trovarci nella tua casella di posta ogni sabato mattina alle 8:00 a.m. Se non ricevi l'email, ti preghiamo di controllare la cartella spam o promozioni e di "spostarci" nella tua casella di posta principale per assicurarti di riceverla ogni weekend.