Belladonna pianta, e sue proprietà omeopatiche

La belladonna, il cui nome scientifico è atropa belladonna è una pianta, appartenente alla stessa famiglia di quella dei pomodori e delle melanzane, che è molto comune nella vegetazione del nostro paese.

belladonna

Per i suoi utilizzi fin dai tempi remoti in campo medico, la belladonna ha alle sue spalle una grande tradizione storica, mentre per i suoi effetti velenosi la si trova come ingrediente nelle pozioni magiche o velenose, in molte antiche leggende.

Si tratta di una pianta che anche oggi viene molto usata nella medicina, sia tradizionale che omeopatica. Infatti, quando viene assunta in dosi millesimali, la belladonna non ha nessun effetto velenoso sul nostro corpo. Si rivela, anzi, un’ottimo rimedio naturale contro diversi disturbi, in particolare la febbre e l’influenza.

Circa i possibili benefici sul nostro organismo di alcune sostanze potenzialmente anche velenose, come la belladonna, è bene spendere due parole sui principi su cui si basa l’omeopatia in particolare.

L’omeopatia, in estrema sintesi

  • Nell’omeopatia, il corpo e la mente vengono considerati come un’unica entità.
  • Nell’omeopatia, la malattia è una condizione di adattamento biologico-emotivo, ed i suoi sintomi sono legati a più fattori: soprattutto agli stati d’animo ed alle personalità dei vari soggetti, alle loro vicende personali, ai loro traumi traumi emotivi, ecc.
  • Il principio su cui si fonda la medicina omeopatica, viene riassunto nell’espressione similia similibus curantur (il simile viene curato con il simile): quindi i rimedi per una determinata malattia, sono dati da quelle sostanze che inducono dei sintomi simili a quelli delle persone malate. Si tratta dello stesso principio del chiodo scaccia chiodo che sta alla base dei vaccini, per cui alle persone vengono si somministrati proprio quegli agenti patogeni di cui si vuole prevenire l’infezione.
  • L’omeopatia cura le malattie con dei rimedi naturali (minerali, vegetali ed animali).
  • L’omeopatia non è considerata efficace dall’Organizzazione mondiale della sanità

Vediamo ora di scoprire la storia e le proprietà della belladonna.

Atropa belladonna, la pianta

La belladonna è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle solanaceae, originaria dell’Europa e dell’Asia, che cresce spontaneamente nei prati e nelle radure dei boschi, soprattutto montani.

E’ una pianta rigogliosa in quanto può crescere fino a un metro e mezzo. Ha un grande rizoma, ed ha delle foglie che sono lunghe fino a 15 centimetri. I suoi fiori, di colore violaceo, sono piccoli e penduli, a forma di calice.

Il suoi frutti sono delle bacche (bacche verdi che quando sono mature, diventano scure e lucide) con molti semi, non commestibili.

Sia le foglie che i suoi frutti, anche se all’aspetto sembrano invitanti ed anche se hanno un gusto dolciastro, sono altamente velenosi per l’uomo: ingerirli può provocare anche degli svenimenti, paralisi e addirittura anche morte. Persino per alcuni animali i frutti di belladonna possono essere fatali.

belladonna

La belladonna nella storia

La belladonna è stata studiata dai medici fin dal 1700, ma già prima, nel Rinascimento, veniva usata per estrarre un succo da usare come cosmetico dalle donne: da qui questo suo nome.

A seguito di numerosi avvelenamenti, i medici e gli scienziati dell’epoca hanno iniziato a studiare gli effetti collaterali di questa pianta, e sono arrivati a constatare ed a confermare il suo potere tossico (infatti, in inglese la pianta viene comunemente definita deadly nightshade, ovvero ombra della notte mortale).

Si dice che nella tragedia Romeo e Giulietta di Shakespeare, si faccia riferimento proprio alla belladonna come a quella pianta che Giulietta aveva usato allo scopo di apparire morta agli occhi di tutti.

Oltre che in questa grande tragedia shakespeariana, la belladonna è entrata in molte leggende e storie popolari come ingrediente di maghi e di fattucchiere nelle loro pozioni velenose.

Al giorno d’oggi se ne fa un grande uso in omeopatia, tanto è vero che la belladonna è uno dei principali policresti dell’omeopatia, ovvero uno dei principali rimedi aventi un’azione generale riequilibrante utilizzabili per curare varie patologie.

Il medicinale omeopatico a base di belladonna lo si ottiene dalle diluizioni, intervallate dalle dinamizzazioni, della tintura madre di tutta la pianta atropa belladonna, quando questa incomincia a fiorire.

Le proprietà della belladonna ed i suoi utilizzi in omeopatia

Nonostante possa essere velenosa qualora venga assunta in grosse quantità, la atropa belladonna è una pianta ricca di proprietà benefiche che derivano fondamentalmente da tre suoi alcaloidi che agiscono sul sistema nervoso, e che hanno un’azione sedativa e anestetica: l’atropina, la iosciamina e la scopolamina.

L’atropina ha un’effetto rilassante sui muscoli ed viene quindi utilizzata per placare gli spasmi muscolari e i dolori mestruali. Questo alcaloide della belladonna viene inoltre utilizzato per dilatare le pupille durante le visite oculistiche.

La belladonna è anche nota per le sue proprietà antinfiammatorie ed antinfluenzali, per cui -da sempre- viene usata per placare le febbri, i mali di gola e le influenze.

Ma la belladonna ha anche altre proprietà benefiche, e viene utilizzata anche per trattare altri problemi come le gastriti, le ulcere e persino l’insonnia.

Viene poi usata anche per trattare i sintomi influenzali ed i problemi gastrointestinali.

Ma tova impieghi per trattare problemi della pelle, otiti e cefalee.

E’ stato inoltre riscontrato che ha degli effetti positivi anche sui bambini, soprattutto per trattare le malattie esantematiche.

L’atropina, contenuta all’interno della pianta, è utilizzata anche come antidoto in caso di avvelenamento da insetticidi e altri componenti chimici.

Nella medicina tradizionale, vengono estratti gli alcaloidi della belladonna per essere combinati coi barbiturici come il fenobarbital, o altri medicinali, sia per trattare gli stessi disturbi, ma anche per alcune malattie come il Parkinson, o per la produzione di farmaci contro la nausea ed il vomito.

Dosaggio della belladonna in omeopatia

Come detto sopra, la belladonna deve essere utilizzata in quantità minime, secondo i principi dell’omeopatia: se in gocce, viene generalmente raccomandato un dosaggio di 3-5 goccie al giorno in diverse diluizioni CH (ovvero centesimali) da assumere 3-6 ovlte al giorno.

Dove acquistarla

I prodotti medicinali omeopatici  a base di atropa belladonna possono essere acquistati in erboristeria e nei centri specializzati in cure omeopatiche.

Se siete orientati ad acquistare belladonna direttamente online, sicuramente un marchio a cui poter fare affidamento è Nelsons, i cui prodotti potete acquistare anche su Amazon.it

No products found.

Come tutti i rimedi omeopatici, anche quelli a base di belladonna devono essere assunti regolarmente.

Ovviamente prima di utilizzare la belladonna dovresti consultare un medico.

Avvertenze ed effetti collaterali

  • La belladonna è velenosa per l’uomo e deve essere assunta solo in piccolissime quantità, secondo i principi propri dell’omeopatia.
  • Occorre leggere attentamente le informazioni contenute nei foglietti illustrativi dei prodotti acquistati, prima di utilizzarli o di consumarli.
  • La belladonna va tenuta lontana dallaportata dei bambini: se viene ingerita nelle quantità e nei modi sbagliati può portare ad allucinazioni, a svenimenti e, addirittura, ad effetti mortali per avvelenamento da atropina.
Approfondimenti