Bromelina

La bromelina é una sostanza che si ricava dalla polpa e (soprattutto) dal gambo dell’ananas (ananas comosus),una pianta appartenente alla famiglia delle bromeliacee.

bromelina

La bormelina -ha proprietà antinfiammatorie -aiuta a ridurre il dolore -possiede proprietà anticancerose -migliora la salute dell’apparato digerente. Può persino agevolare la perdita di peso.

E’ una sostanza senza dubbio affascinante: continua a leggere questo post se vuoi saperne di più circa questo insieme di enzimi, circa i benefici effetti ed sui suoi effetti collaterali, ma anche per avere delle informazioni circa i dosaggi ed informazioni utili al suo acquisto.

Bromelina: una breve introduzione a questa sostanza

  • Il termine generico di bromelina si riferisce a degli enzimi aventi attività proteolitica, cioè attività di degradazione delle proteine: infatti gli enzimi proteolitici (o protesi, proteinasi, peptidasi, protesi) sono in grado di digerire le proteine e di degradarle in aminoacidi.
  • Insieme ad altri composti, questi enzimi proteolitici vengono estratti dai frutti o dagli steli dell’ananas.
  • In Italia, la bromelina viene venduta sia come farmaco, sia come integratore alimentare sotto forma di capsule, compresse e di polveri a base di estratto secco.
  • Il suo dosaggio giornaliero raccomandato è di circa 750 mg al giorno. [1] È bene assumere la bromelina almeno un’ora prima dei pasti [2].
  • É importante notare che il consumo de normale ananas non produce gli stessi benefici effetti sulla salute degli integratori alimentare con bromelina.
  • Le pomate e le crema a base di bromelina sono utilizzate per i loro effetti antiinfiammatori e di riassorbimento dell’edema.

I vari componenti della bromelina

La composizione della bromelina dipende dal metodo di purificazione utilizzato per ricavarla e dalla provenienza dell’estratto di ananas utilizzato: [3]

  • la bromelina proveniente dai frutti dell’ananas, viene preparata utilizzando il succo raffreddato, il quale viene sottoposto ad un processo di ultrafiltrazione. [4]
  • la bromelina estratta dagli steli invece viene preparata tramite la loro centrifugazione, filtrazione e liofilizzazione. [5]

La bromelina è un miscuglio di diversi endopeptidasi tiolici, enzimi capaci di digerire le proteine. Inoltre, contiene alcuni enzimi come fosfatasi, glucosidasi, perossidasi, cellulasi, escarasi e diversi inibitori di proteasi, questi ultimi in grado di prevenire la digestione delle proteine da parte di quegli enzimi che sono in grado di farlo. [6]

La sua azione antinfiammatoria e la sua capacità d’inibizione dell’aggregazione delle piastrine sono probabilmente dovute proprio alla sua attività proteasica.

Dipendono tuttavia da altre proprietà, diverse dalla digestione proteica, le sue capacità inibitorie nei confronti del cancro e la sua capacità di accelerare la guarigione delle bruciature. [7

Bromelina e benefici per la salute

La bromelina si rivela utile nel perdere peso

  •  Grazie all’efficace azione che svolge sul tessuto adiposo, la bromelina giova anche alla perdita del peso [8].

La bromelina riduce i dolori ed i gonfiori

  • La bromelina è molto efficace nella riduzione delle sintomatologie dolorose.
  • Oltre a giovare nel trattamento dell’artrite, aiuta nei casi di affaticamenti muscolari dovuto all’esercizio fisico, di dolori di grado medio, di dolori post-operatori.
  • In uno studio fatto su 20 individui sani di sesso maschile, era risultato che l’integrazione alimentare con proteasi (contenenti bromelina e altri enzimi), li aveva aiutati ad alleviare l’affaticamento muscolare dopo una corsa in salita. [9]
  • Inoltre, messo a confronto con il gruppo placebo, il gruppo di questi individui che aveva una protesi, aveva avuto ripresa muscolare più veloce, che aveva loro permesso di rimettersi in sesto in tempi più brevi dopo un’attività fisica intensa. Questi effetti sono probabilmente dovuti all’azione antinfiammatoria della bromelina e di altri enzimi proteasici [10].
  • La bromelina può inoltre ridurre i dolori ed i gonfiori dovuti ad un intervento dentistico [11].

La bromelina giova al sistema immunitario

  • La bromelina favorisce una salutare risposta immunitaria del corpo aiutandolo a combattere anche le malattie autoimmuni. [12]

La bromelina riduce l’infiammazione

  • La bromelina riduce la maggior parte dei mediatori pro-infiammatori, ed è anche un potente agente antinfiammatorio. [13]

La bromelina aiuta a fermare la crescita di tumori 

  • La bromelina inibisce le principali reazioni chimiche che supportano la crescita del cancro (inclusi i pathway del fattore nucleare-kappa B (NF-κB), ciclossigenasi-2 (COX-2), MAP-chinasi (MAPKs), Akt e prostaglandine E2 (PGE-2)). [14]

La bromelina viene usata per trattare l’artrite 

  • L’attività antinfiammatoria della bromelina aiuta nel trattamento dell’artrite reumatoide,  grazie alla sua capacità di diminuire la produzione di TGF-β, uno tra i più importanti mediatori dell’infiammazione nei pazienti affetti da patologie autoimmuni. [15]
  • Ad ogni modo, quegli studi che avevano dimostrato la potenzialità della bromelina nel trattare i diversi tipi di artrite, vanno sicuramente avvalorati da ulteriori studi.
  • Sempre a questo proposito, va detto che gli scienziati devono comunque ancora stabilire quale sia il dosaggio ottimale, e quale sia l’efficacia della bromelina nel lungo periodo. [16]

La bromelina cura i sintomi dell’allergia

  • L’azione antinfiammatoria della bromelina, aiuta a curare i sintomi dell’allergia, ed i problemi sinusitici.
  • In uno studio (un trial clinico in doppio cieco, randomizzato e controllato) che aveva riguardato 50 pazienti con una sinusite acuta, il gruppo che aveva assunto la bromelina, aveva ottenuto diversi benefici, se comparati con quelli del gruppo placebo.
  • In particolare, il gruppo che aveva assunto la bromelina aveva mostrato una minore infiammazione nasale, ed una minore difficoltà nella respirazione. [17]
  • Diversi studiosi ipotizzano che la bromelina possa essere utile nel curare le allergie, l’asma e problemi di ipersentibilità nelle persone. [18]

La bromelina migliora la salute intestinale

  • Gli effetti antinfiammatori della bromelina sono di giovamento all’intestino, aiutando a ridurre i sintomi di svariati problemi intestinali.
  • La bromelina ferma la secrezione di fluidi, per cui potrebbe essere impiegata efficacemente anche contro la diarrea. [19]
  • Ci sono stati due studi -fatti su piccola scala- in cui era stato osservato come l’impiego di bromelina avesse aiutato a ridurre i sintomi della colite. [20]

La bromelina protegge il cuore 

  • La bromelina riduce la morte delle cellule cardiache e prolunga la loro vita [19].
  • La bromelina attiva la proteina Akt e la fosforila (fosforilare significa introdurre in un composto chimico uno o più radicali dell’acido fosforico), provocando di conseguenza la fosforilazione della proteina FOXO3A.

La bromelina aiuta a guarire la pelle

  • La bromelina sotto forma di crema, aiuta a rimuovere il tessuto danneggiato dalle ferite o dalle bruciature. Infatti contiene l’escarasi (una frazione della bromelina), la quale aiuta a rimuovere il tessuto morto, ed accelera il processo di guarigione della pelle. [20, 21]
  •  A otto pazienti affetti da pitiriasi lichenoide cronica (PLC, una malattia della pelle le cui cause sono sconosciute) era stato somministrato per tre mesi un integratore contenente bromelina: il trattamento si era dimostrato efficace per tutti e otto i pazienti, i quali erano completamente guariti.  Nonostante due di questi, avessero poi avuto delle ricadute 5-6 mesi dopo la sospensione della terapia, un breve ciclo di cure aveva nuovamente fermato i loro sintomi.[22, 23]
  • Dato che le cause della pitiriasi lichenoide cronica non sono conosciute, gli scienziati non sanno esattamente quale sia meccanismo che viene interessato dalla bromelina. Le possibili spiegazioni potrebbero essere ricercate nella sua attitudine a digerire le proteine, nelle sue proprietà antinfiammatorie e negli  effetti antivirali che vengono attribuiti a questo estratto. [24]

La bromelina potenzialmente riduce i rischi della malattia di Alzheimer 

  • Le placche di beta amiloide sono ritenute tra le maggiori responsabili della malattia di Alzheimer: un complesso proteinasico contenente tripsina, alfa-chemotripsina e bromelina può aiutare a degradare queste placche. [25]
  • L’analisi di numerosi campioni di sangue ha mostrato come la somministrazione orale delle proteinasi riducesse i livelli di beta amiloide nei soggetti sani. Perciò l’aumento della degradazione della beta-amiloide può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. [26]

Sue possibili interazioni e suoi possibili effetti collaterali

  • La bromelina potrebbe incidere sugli effetti di altri medicinali, aumentandone la disponibilità nel corpo, oppure riducendone gli effetti collaterali associati. [27, 28]
  • La bromelina aumenta l’assorbimento e l’assimilazione dell’eparina nell’intestino dei ratti: l’eparina è un medicinale che fluidifica il sangue e che viene impiegato per evitare la formazione di coaguli. Le persone che assumono eparina e bromelina insieme, devono fare attenzione all’aumento del rischio di emorragie. [29]
  • La bromelina fluidifica il sangue, quindi non dovrebbe essere utilizzata in concomitanza con altre medicine come la warfarina. [30]
  • Bisogna fare attenzione anche nell’assumerla in concomitanza con gli altri integratori che fluidificano anch’essi il sangue, come l’olio di pesce.
  • La bromelina aiuta ad aumentare l’assorbimento delle tetracicline (antibiotici impiegati contro le infezioni batteriche). [31, 32]
  • La curcumina possiede un basso tasso di assorbimento, quindi curcumina e bromelina sono spesso formulate insieme per aumentare l’assimilazione di entrambe e, quindi, per aumentare gli effetti antinfiammatori di ciascuno di questi integratori. [33]
  • La bromelina viene anche utilizzata per aumentare l’assorbimento della quercetina, un flavonoide con proprietà benefiche per la salute. [34]
  • La bromelina aumenta inoltre l’assorbimento,
    • della penicillina. [35]
    • della fluoresceina. [36]
    • del glutatione. [37]

Perché questo enzima venga assorbito e perché svolga il suo effetto antinfiammatorio, dovrebbe essere assunta a stomaco vuoto, lontano dai pasti. Tuttavia,questa modalità di somministrazione potrebbe provocare ad alcune persone dei fastidi allo stomaco.

Le persone allergiche all’ananas non dovrebbero assumere gli integratori alimentari di bromelina, poiché questa sostanza potrebbe causare loro delle reazioni. [38]

Alcuni dei possibili effetti indesiderati più comuni derivanti dall’assunzione di bromelina, sono costituiti dalla diarrea, dalla nausea, dalla flatulenza, dal mal di testa, affaticamento ed eritema cutaneo. [39]

I dosaggi

In molte ricerche fatte sull’osteoartrite, gli scienziati hanno utilizzato delle dosi di bromelina variabili tra i 540 e i 1890 mg al giorno:

  • Le ricerche fatte utilizzando le dosi maggiori, hanno avuto dei risultati contrastanti. Ad esempio, in una ricerca il dosaggio 1890 mg è risultato essere ben tollerato, mentre in un’altra ricerca, 945 mg hanno provocato marcati effetti collaterali. Tutto ciò significa che sono necessari ulteriori studi riguardanti l’utilizzo “massiccio”di questa sostanza.
  • Ai dosaggi più bassi, la bromelina è sicura ed é ben tollerata. [4041]

Prodotti raccomandati dalla redazione

Potrebbe piacerti anche