Il casco asciugacapelli: come funziona, quale scegliere

In questo articolo parleremo delle caratteristiche e delle funzioni che rendono alcuni caschi asciugacapelli migliori di altri. Infine porremo a confronto alcuni dei più venduti caschi asciugacapelli ora in commercio.
casco asciugacapelli
foto: www.glamour.it

Introduzione

Un asciugacapelli – si sa – è un elettromeccanico che asciuga i nostri capelli generando un getto d’aria calda. Viene comunemente chiamato anche col nome (tedesco) di fohn, che poi è quello del vento caldo e secco dei versanti alpini.

Il casco asciugacapelli è invece un apparecchio che asciuga i capelli emettendo dell’aria attraverso un casco.

Le prime cose che ci possono venire in mente parlando di caschi asciugacapelli, sono i caschi dei saloni di parrucchiera dell’immediato dopoguerra, una sorta di cartolina vintage.

Nulla di più lontano dall’odierna realtà. Non solo perché i caschi asciugacapelli di oggi, sono diversi ed hanno prezzi contenuti che ne consentono anche l’uso in ambito domestico, ma anche perché ci sono molte ragioni per cui si dovrebbe utilizzarli.

Le varie utilità del casco asciugacapelli

Il primo punto a favore del casco asciugacapelli è che questo apparecchio che é in grado di distribuire in maniera omogenea il suo calore, garantendo quindi un’asciugatura uniforme, e minori stress per i capelli e per la cute nel corso della messa in piega.

Infatti a differenza degli asciugacapelli, che concentrano il calore su una singola ciocca, il casco diffonde aria calda su tutta la chioma, garantendo così il benessere del capello a lungo nel tempo.

Il casco asciugacapelli si rivela anche un’eccellente strumento per l’applicazione di trattamenti rivitalizzanti o riparatori: esponendo i capelli danneggiati per lungo tempo ad un calore diffuso, la cuticola si apre con più facilità, permettendo quindi un miglior assorbimento dei prodotti destinati ai trattamenti ed una massimizzazione dei risultati.

Si rivela utile anche per qualche piccolo beauty tip: il casco asciugacapelli può essere utilizzato per le onde morbide coi bigodini, ma anche come diffusore, per i ricci dall’aspetto naturale privi del fastidioso effetto crespo.

Chi invece preferisce i capelli lisci può usare il casco per ottenere dei capelli più morbidi dopo l’asciugatura, quindi più semplici da lisciare con la piastra.

Il tutto, va detto, nel massimo del relax, perché il casco asciugacapelli una volta azionato non ha bisogno d’altro, e possiamo goderci la messa in piega senza alcun pensiero.

Ciò a patto di scegliere il modello più giusto per le proprie personali esigenze: e noi vi guideremo dandovi alcuni utili i consigli.

asciugacapelli

Caschi asciugacapelli a struttura rigida e caschi a struttura morbida

Esistono due macro categorie di caschi asciugacapelli, quelli con struttura rigida e quelli morbidi. Vediamoli distintamente.

i caschi asciugacapelli a struttura rigida

Proprio come quelli professionali, questi caschi sono costituiti da un’asta regolabile e da un casco rigido, al cui interno ci sono delle ventole che emettono dell’aria calda.

  • Dopo aver impostato le funzioni desiderate (se sono presenti), si mette la testa all’interno del casco e si da avvio all’asciugatura.
  • I modelli rigidi possono esser dotati di uno stativo regolabile in altezza, e di ruote che consentano di poter spostarli con facilità da una stanza all’altra; oppure possono essere caschi da tavolo, più compatti, che si utilizzano appunto poggiandoli sopra un comune tavolo.

i caschi asciugacapelli a struttura morbida (cuffie asciugacapelli)

Si tratta di cuffie asciugacapelli da indossare sulla testa, realizzate con una plastica termo-resistente.

  • Una volta che il dispositivo che emette l’aria calda all’interno viene azionato, le cuffie si gonfiano assumendo la forma di un casco.
  • Si tratta di modelli di caschi che sono poco ingombranti e che indubbiamente sono più economici di quelli rigidi, perché sono concepiti per un uso prettamente domestico e non professionale.
  • I caschi asciugacapelli a struttura morbida si dividono in due sotto-categorie:
    • quelli col motore integrato, che danno delle prestazioni del tutto simili a quelle dei caschi rigidi,
    • quelli che invece devono essere collegati all’asciugacapelli perché all’interno non hanno il motore.

La “giusta” potenza dell’apparecchio

Prima di acquistare un casco asciugacapelli è necessario valutare con attenzione la sua potenza, ovvero il numero di Watt che utilizza per lavorare.

Infatti la velocità di asciugatura, le prestazioni, ma anche il costo ed i consumi energetici correlati, dipendono direttamente dalla sua potenza.

Va da sé che maggiore é il wattaggio, più veloce sarà l’asciugatura che il casco è in grado di garantire, in quanto il flusso d’aria che riesce ad apportare è più elevato.

  • I caschi a struttura rigida per uso in ambito domestico semi-professionali con stativo (cioè con un supporto/un treppiedi), hanno una potenza compresa tra i 900 Watt e i 1800 watt,
  • mentre i caschi asciugacapelli a struttura morbida col motore integrato hanno una potenza che si aggira attorno ai 600 Watt.

Per orientarvi nella scelta della”giusta potenza”, vi consigliammo di valutare la natura dei vostri capelli: chi li ha lunghi e spessi dovrebbe orientarsi verso le potenze maggiori, in modo da ridurre i tempi di asciugatura.

Le diverse possibili funzioni aggiuntive di cui tener conto nella scelta del casco asciugacapelli

Le funzioni aggiuntive che hanno i vari modelli di casco hanno lo scopo di rendere il loro utilizzo più semplice e più funzionale.

Certamente queste incidono anche sul prezzo finale del prodotto.

Perciò sta a chi acquista decidere se deve orientarsi verso un casco più “performante”, o su uno con minori funzioni e quindi verso una scelta di tipo più economico.

Ecco le funzioni maggiormente utilizzate.

la funzione settaggio della temperatura

  • Questa funzione permette di regolare il livello della temperatura di funzionamento in relazione alle diverse preferenze.
  • I modelli più sofisticati hanno fino a 4 regolazioni di calore, in modo avere il calore più adatto relativamente alla tipologia di capello dell’utilizzatore.
  • I caschi più economici hanno invece un massimo di due regolazioni.

la funzione selezione dell’intensità

  • Si tratta di una funzione che hanno solo i modelli più sofisticati.
  • L’intensità del getto di calore determina, non solo la velocità di asciugatura, ma anche il tipo di messa in piega da realizzare.
  • Ad esempio: una maggiore potenza aiuta ad ammorbidire le ciocche di capelli prima della piastra, mentre una potenza più delicata é perfetta per la definizione di ricci naturali.

la funzione colpo d’aria fredda

  • Come per gli asciugacapelli, questa funzione permette di fissare l’acconciatura appena ottenuta con un breve getto di aria fredda.

la funzione spegnimento automatico

  • Anche questa è una funzione che di solito troviamo nei modelli più costosi.
  • Consente di impostare lo spegnimento del casco: solitamente dopo 60 minuti.

Alcune altre cose e funzioni utili da valutare prima dell’acquisto

la praticità dell’apparecchio

Uno dei primi fattori da valutare prima dell’acquisto di un casco asciugacapelli è la praticità del modello che volete comprare.

La praticità riguarda gli aspetti che rendono l’utilizzo del casco asciugacapelli più semplice e alla portata di tutti.

Solo per fare un esempio, è importante valutare l’ingombro del casco, soprattutto quando dopo l’utilizzo deve essere riposto: i modelli rigidi con stativo sono molto più ingombranti dei modelli con struttura morbida che possono essere facilmente ripiegati.

Un altro elemento importante legato alla praticità è la lunghezza del cavo di alimentazione del motore del casco asciugacapelli: se troppo corto potrebbe limitare in modo eccessivo la libertà di movimento e vi costringerebbe a posizionarlo solo in determinati punti.

Anche l’ampiezza della campana è un ulteriore elemento che determina la praticità del casco asciugacapelli: questa è importante soprattutto per poter mettere la testa nel casco in maniera comoda anche coi bigodini addosso.

le varie funzioni per il benessere dei capelli

Così come avviene per gli asciugacapelli, anche i caschi asciugacapelli (che svolgono la stessa funzione) possono avere alcuni elementi o funzioni specificatamente studiati per prevenire i danni alla chioma e al cuoio capelluto dovuti alle alte temperature.

Sono legati legato alla prevenzione,

  • la funzione di ionizzazione: alcuni caschi asciugacapelli sono dotati di un meccanismo che emette degli ioni negativi, la cui principale funzione è quella di “rompere” l’acqua in particelle più piccole, determinando in questo modo un’asciugatura più rapida del capello senza che però perda la sua naturale idratazione.
  • il rivestimento in ceramica e/o tormalina: due materiali generalmente utilizzati per rivestire la griglia del motore dell’asciugacapelli, facendone quindi dei filtri per l’aria.
    • La ceramica favorisce l’uniformità del calore,
    • mentre la tormalina, ha la capacità di emettere un’elevata quantità di ioni negativi che quindi rendono lucidi i capelli.

Recensioni su alcuni caschi asciugacapelli che abbiamo selezionato

Ecco le nostre recensioni relativamente ad alcuni caschi asciugacapelli tra i più venduti che, complessivamente valutati anche in relazione al loro costo, potrebbero meritare la vostra attenzione.

Casco asciugacapelli professionale Ga.Ma Aria

Ga.Ma Aria

Il casco asciugacapelli professionale Ga.Ma Aria è uno strumento dalle elevate prestazioni.

  • Ha una potenza di 1165 Watt, e raggiunge una temperatura massima di 70°: grazie ad un regolatore è possibile impostarla anche su valori più bassi, soprattutto se l’acconciatura desiderata è quella di ricci morbidi e naturali.
  • Il casco Ga.Ma Aria è dotato di un programma di asciugatura con una durata massima di 60 minuti.
  • Ha uno stativo regolabile, dotato di ruote per facilitarne lo spostamento.
  • Il casco ha una visiera trasparente, per il massimo del comfort e per consentire a chi lo usa di visualizzare l’ambiente circostante.
  • Per la sicurezza di chi lo utilizza, questo casco è dotato anche di una protezione dal surriscaldamento.

Cuffia termica asciugacapelli professionale Labor

casco asciugacapelli

La cuffia termica asciugacapelli professionale Labor, è in grado di rendere veloce e pratica anche l’asciugatura delle chiome più lunghe.

  • Si indossa come una normale cuffia.
  • Il suo diametro è di 14 centimetri ma, grazie all’apertura elastica, può essere indossata da chiunque , il che rappresenta un’ottimo vantaggio qualora si decidesse di utilizzare questa cuffia/casco asciugacapelli con i bigodini.
  • Questo modello non ha un motore interno, quindi per funzionare ha la necessità di essere collegato ad un asciugacapelli.
  • Il risultato è comunque del tutto simile a quello del parrucchiere, perché il suo robusto telo mantiene il calore al suo interno, e permette ai capelli di prendere la piega.
  • Uno dei vantaggi del Labor, è di essere pieghevole e di occupare quindi poco spazio; in questo modo potrete sempre portarlo con voi per avere un’acconciatura perfetta in qualsiasi situazione, in vacanza o in viaggio.

Casco asciuga capelli Grundig HS 6780

Grundig HS 6780

Grundig HS 6780 è un casco asciugacapelli ideale soprattutto per chi ha dei capelli ricci da valorizzare.

  • Ha una struttura morbida e molto pratica, perché consente la visuale, e non impedisce di fare movimenti.
  • La sua potenza massima è di 600 Watt.
  • Dispone di due livelli di temperatura in modo da poter fissare i ricci in maniera naturale.
  • La sua funzione ionizzante accelera l’asciugatura, e dona lucentezza alle chiome.
  • Silenzioso ed intuitivo, è davvero adatto a chiunque.
  • La tracolla che lo tiene in posizione, è regolabile in modo da consentire a chiunque di trovare la posizione più idonea per un utilizzo confortevole.

Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli...