Faringite acuta: sintomi, cause e cure

Si può facilmente avere una faringite non solo in inverno, ma anche in estate, sopratutto a causa degli sbalzi di temperatura, e molto spesso non serve l’intervento di un medico.

La faringite acuta è un’infiammazione localizzata nella faringe, ovvero la parte più profonda della gola quella dove si trovano le tonsille.

Nel linguaggio comune viene chiamata “mal di gola”, ed è uno dei malanni invernali più frequenti e più diffusi, anche se  una faringite può verificarsi in qualsiasi stagione e con qualsiasi temperatura esterna.apparato respiratorio inferiore e superiore

Nella maggior parte dei casi si tratta di un’infiammazione di origine virale, correlata spesso ad un semplice raffreddore, mentre raramente è dovuta ad un’infezione causata da dei batteri.

Generalmente, una faringite acuta si risolve spontaneamente in pochi giorni. Esistono però anche forme di faringite cronica, che si riacutizzano periodicamente e che possono causare diversi problemi.

La faringe

Cos’é, e come è fatta la faringe

La faringe, fa parte del nostro apparato respiratorio assieme, a laringe, trachea, bronchi, polmoni e cavità nasali, ed ha il compito di convogliare l’aria che inspiriamo verso i bronchi. Si suole dividerla in tre parti comunicanti tra di loro:

  • la laringofaringe che è la sua parte inferiore,
  • l’orofaringe che é la sua parte intermedia,
  • la rinofaringe che è la sua parte superiore.

Eccole, in colore azzurro, come si trovano posizionate.

I sintomi della faringite

I sintomi della faringite acuta

La faringite, come abbiamo detto, è una infiammazione  a carico della mucosa faringea che può essere acuta oppure cronica.  Il caratteristico sintomo della faringite è dato da un mal di gola, anche forte e diffuso, percepito soprattutto durante la deglutizione e accompagnato da bruciore, prurito e sensazione di gonfiore.

Ad un esame visivo, la gola appare molto infiammata, con un’ ingrossamento delle tonsille e spesso con la presenza di placche, di punti rossi e di piccole vesciche.

Non è raro che si ingrossino anche i linfonodi situati intorno al collo, e che l’infiammazione della gola coinvolga anche le orecchie, con relativa sensazione di dolore.

La faringite può essere accompagnata anche da mal di testa, da dolori muscolari e da un senso di malessere generale.

 Le sue cause

Le cause più frequenti delle faringiti

La causa principale della faringite è costituita da un virus, solitamente lo stesso virus che provoca raffreddori e influenze, mentre una percentuale nettamente inferiore riguarda le faringiti batteriche causate da streptococco.

Nella fase acuta, è difficile distinguere se la causa della faringite sia batterica o virale, poiché in entrambi i casi la gola appare infiammata, con la relativa sensazione di dolore e di bruciore.

Per quanto la malattia sia maggiormente diffusa in inverno, in realtà il freddo non è il diretto responsabile dell’infiammazione, anche se il freddo può favorire l’attacco degli agenti patogeni soprattutto nel caso di sbalzi termici, molto frequenti nel periodo invernale.

Proprio a causa degli sbalzi di temperatura, la faringite può presentarsi facilmente anche in estate, causata dalla temperatura esterna molto alta, e dagli ambienti eccessivamente raffreddati dall’aria condizionata.

In generale,possono provocare facilmente l’insorgere della faringite e di altre infezioni delle vie respiratorie ed il loro diffondersi, i luoghi chiusi ed affollati con scarsa circolazione d’aria e con un riscaldamento eccessivo o con una climatizzazione non corretta, e la polvere.

Le possibili complicazioni

Le possibili complicazioni della faringite

In genere, la faringite acuta virale non comporta alcuna complicazione e scompare da sola in pochi giorni.

Le complicazioni possono insorgere invece quando alla base della malattia  c’é un’infezione batterica da streptococco che, se non trattata adeguatamente, potrebbe diffondersi e coinvolgere anche polmoni, il cuore ed i reni, oppure provocare una febbre reumatica.

Per questa ragione, quando la faringite tende a perdurare per diversi giorni, oppure tende a ripetersi e a non risolversi mai completamente, è opportuno consultarsi con il proprio medico di fiducia, che provvederà a prescrivere una cura antibiotica specifica.

Se non sopravvengono delle infezioni batteriche, la semplice faringite comporta un fastidio sopportabile e scompare in pochi giorni senza lasciare delle conseguenze.

In alcuni casi, la faringite precede l’insorgere della mononucleosi infettiva, una malattia contagiosa e piuttosto lunga, che però quasi sempre non comporta sintomi particolari e si risolve da sé. Infatti, accade abbastanza di frequente di non rendersi neanche conto di essere stati colpiti da questa malattia, se non nel corso di esami del sangue effettuati casualmente.

Come curarla

Terapie e trattamenti per la faringite

Come si è detto, nella maggior parte dei casi la faringite acuta, ad esclusione di analgesici o antipiretici per contrastarne i sintomi, si risolve entro pochi giorni senza ricorrere ad alcun prodotto.

E’ utile -bere molto -mantenere l’ambiente in cui si vive adeguatamente umidificato -utilizzare dei rimedi naturali come il propoli e lo zenzero.

Nel caso di faringiti batteriche, sarà il medico curante a prescrivervi una terapia antibiotica e antinfiammatoria.

In alcune situazioni, per poter predisporre la somministrazione di una terapia più mirata, il medico potrebbe chiedervi di sottoporsvi ad un tampone faringeo, al fine di individuare il ceppo batterico e prescrivere l’antibiotico adatto.

quando è necessario rivolgersi al medico

La faringite acuta é frequente nei bambini, ma si manifesta spesso anche negli adulti. Scompare rapidamente senza alcuna terapia e molto spesso non necessita dell’intervento di un medico.

Quando invece dura piuttosto a lungo e tende a riacutizzarsi occasionalmente, è facile che si sia trasformata in una forma cronica: in questo caso non deve essere sottovalutata, poiché potrebbe scatenare una serie di reazioni, tali da compromettere tutto l’organismo.

Qualora dovesse sorgere il sospetto di avere una faringite cronica, è bene chiedere consiglio al medico curante, per valutare quale potrebbe essere la terapia migliore.

l’utilità di mantenere uno stile di vita equilibrato

Le cause per cui si manifesta la faringite sono piuttosto difficili da prevedere, soprattutto nel mondo in cui viviamo, con l’esposizione all’inquinamento, la vita stressante e il passaggio obbligato da una temperatura all’altra.

In ogni caso, una vita equilibrata e regolare è sicuramente di aiuto, per contrastare il calo delle difese immunitarie e per prevenire raffreddori, influenze, faringiti, ed altri malanni di stagione.

Una dieta a base di alimenti freschi e ricchi di vitamine, una regolare attività fisica, l’evitare di fumare ed il seguire uno stile di vita meno stressante, sono sicuramente una buona base di partenza per ridurre le possibilità di contrarre questo tipo di malattia.

Potresti essere interessato anche a:

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.

Questo articolo di Elisa è stato pubblicato in data 27 febbraio 2018 e aggiornato in data 28 febbraio 2018.

Sei pregato di leggere attentamente il disclamer medico  e l'informativa sulle affiliazioni.

Dov'é possibile approfondire l'argomento ed avere maggiori informazioni

Contenuti corrispondenti