Il fieno greco

Il fieno greco è una pianta annuale spontanea alta fino a 60 centimetri, molto diffusa nelle regioni mediterranee. Ha foglie trifogliate, simili a quelle del trifoglio.

Fieno greco - Titolato al 50% in saponine
Fieno greco – Titolato al 50% in saponine

I suoi semi e le sue foglie sono utilizzate principalmente come spezia culinaria. Nelle tradizioni di alcuni paesi, come l’Egitto, la Grecia, l’Italia, e dell’Asia meridionale, sono utilizzate anche nei trattamenti di una vasta gamma di problemi di salute.

Sotto il profilo nutrizionale, il fieno greco è ricco di proteine, di vitamina C,  di niacina e di potassio. Altri  suoi costituenti attivi sono, gli alcaloidi, la lisina, il L-triptofano e le saponine steroidee (diosgenina, yamogenina, tigogenin e neotigogenin). Per un elenco dettagliato dei valori nutrizionali del fieno greco, vi rimandiamo alla tabella illustrativa in calce all’articolo.

Da migliaia di anni, il fieno greco è noto per la sua azione stimolante del sistema immunitario, per la sua azione anti-infiammatoria e per una moltitudine di altre proprietà curative e non.

La parte più utilizzata del fieno greco sono i suoi semi, i quali contengono la maggior concentrazione di principi attivi e di nutrienti. Le foglie di fieno greco, invece, vengono utilizzate più spesso come insalata o come spezia per insaporire i cibi.

Fieno greco – proprietà ed effetti benefici

Sul fieno greco sono in atto, al momento, molte ricerche al fine di valutare le sue potenzialità per il trattamento del diabete. Nel complesso, i risultati sembrano incoraggianti. Alcune ricerche  hanno dimostrano che, i pasti ricchi di semi di fieno greco, abbassano i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2: tuttavia, ancorché sembri che l’assunzione di 5-50 grammi di semi di fieno greco, una o due volte al giorno possa avere gli effetti desiderati, non sembra invece che dosi più basse (2,5 grammi) li abbiano.

L’assunzione  -due volte al giorno- di 50 grammi di semi di fieno greco in polvere,  parrebbe ridurre la quantità di zucchero nelle urine nelle persone con diabete di tipo 1. [1]

E’ stato dimostrato, sia su cavie animali che umane, che il fieno greco abbassa colesterolo e itrigliceridi (l’ipercolesterolemia è rischiosa quando supera i 200mg/dl. Mentre quando i trigliceridi superano i 150 mg/dl si parla di un’ipertrigliceridemia «borderline» che diventa  rischiosa al di sopra dei 200 mg/dl) nonché i livelli di glucosio nel sangue. Gli scienziati non hanno, però, ancora capito i meccanismi alla base di questo comportamento. L’ipotesi più accreditata è che, nel tratto digestivo, la fibra alimentare presente nel fieno greco sia in grado di legarsi al glucosio ed al colesterolo, e che tale comportamento determini l’impossibilità di questi elementi di essere assorbiti dal corpo o di aumentare la secrezione di insulina. [1]

Studi effettuati sui topi di laboratorio hanno dimostrato che il fieno greco è in grado di normalizzare i livelli ematici di antiossidanti e gli enzimi metabolici nel corpo, ma non è ancora chiaro se questo avvenga pure negli esseri umani. [2]

Il fieno greco potrebbe avere anche proprietà antitumorali, ma sono necessari degli studi sull’uomo per avere delle conferme. D’altra parte, il fieno greco agisce anche come modulatore del recettore estrogenico, e –  lo si è visto in vitro –  è in grado di stimolare le cellule del cancro al seno, ragion per cui è fortemente sconsigliato ai pazienti con tumori ormonali. [2]

Secondo la WebmD (società americana, nota sopratutto come editore di notizie ed informazioni su salute e benessere), prendendo nei primi 3 giorni di un determinato periodo mestruale 1800-2700 mg di semi di fieno greco in polvere/tre volte al giorno, e poi facendo seguito con dosi da 900 mg/tre volte al giorno per il resto di due cicli mestruali, porta ad una riduzione dei dolori mestruali. [1]

Segnaliamo  di seguito altri utilizzi  dei semi del fieno greco, più o meno benefici, più o meno clinicamente testati.

  • come lassativo: i semi di fieno greco contengono elevati livelli di fibra e, quindi (ritengono alcuni), potrebbero avere effetti lassativi; tuttavia, al momento nessuno studio clinico ha dimostrato la validità di questa sua proprietà;
  • per trattare disturbi del tratto digestivo: sempre in luce del fatto che i semi di fieno greco contengono un elevato quantitativo di fibra, essi vengono utilizzati nel trattamento di disturbi del tratto digestivo; ma non vi è alcuna prova scientifica che supporti questa pratica;
  • per indurre il parto: anche se gli studi di laboratorio dimostrano che il fieno greco stimola la contrazione dell’utero, non esistono attualmente sufficienti dati scientifici che supportino questa tesi;
  • per combattere le infezioni: il fieno greco ha dimostrato in laboratorio di avere proprietà antibatteriche; tuttavia questa sua proprietà non è ancora stata testata sugli in esseri umani;
  • per stimolare l’allattamento: anche se nella medicina popolare il fieno greco è spesso usato per stimolare l’allattamento, non ci sono  elementi che confermino questa sua proprietà;
  • per guarire le ferite: in esperimenti di laboratorio, il fieno greco  ha dimostrato di avere proprietà antibatteriche, ma non vi è  nessun’altra prova scientifica di supporto a questo utilizzo sull’essere umano.

I semi di fieno greco sono estremamente ricchi di proteine (23%) e  costituiscono un integratore alimentare in grado di fornire vitalità ed energia per affrontare stress e fatica. Molti atleti e culturisti  si giovano delle sue proteine (per i loro effetti anabolizzanti) per aumentare la massa muscolare o  per recuperare energie dopo una intensa sessione di allenamento di forza.

Ulteriori altri utilizzi dei semi di fieno greco:

  • in dosi adeguate, sono d’aiuto agli atleti ed ai convalescenti nei momenti di mancanza di energia e di vitalità;
  • favoriscono l’appetito (soprattutto nelle persone con  determinate malattie, come l’anoressia, bulimia, ecc);
  • aiutano a disintossicare le vie aeree che sono esposte a fattori contaminanti (tabacco, fumi vari, ecc.);
  • hanno proprietà  espettoranti che sono altamente utili, soprattutto nei periodi autunnali ed invernali. Aiuta alla disintossicazione delle vie aeree colpite da pollini, polvere, tabacco, ecc.; e viene anche utilizzato per combattere i comuni raffreddori e le allergie respiratorie.

Inoltre,  secondo alcuni studi preliminari, il fieno greco potrebbe:

  • migliorare le prestazioni fisiche. Alcune ricerche hanno dimostrato che, l’assunzione per 8 settimane, di 500 mg di un integratore di fieno greco (prodotto dalla Indus Biotech, una società indiana di ricerca di nuovi farmaci per malattie autoimmuni, oncologiche ecc.)  aveva diminuito il grasso corporeo e aumentato i livelli di testosterone, ma non aveva cambiato la forza muscolare o la resistenza negli uomini giovani. Tuttavia, altre ricerche  hanno dimostrato che l’assunzione, per 8 settimane, di 500 mg di  un estratto di fieno greco (Torabolic, un prodotto  sempre della Indus Biotech) al giorno, aveva ridotto il grasso corporeo ed aumentato la forza muscolare nelle gambe e le performance alla panca piana di giovani atleti. Per aumentare la forza ed il recupero muscolare, spesso viene utilizzato in associazione col ginseng, con la maca e con il tribolo (tribulus terrestris);
  • assunto col  panax ginseng, aumenta il potere afrodisiaco del ginseng;
  • protegge la pelle da eczemi, dalla scabbia ed altri problemi legati pelle;
  • mantiene i denti sani e forti.
  • tradizionalmente viene utilizzato per il trattamento delle ulcere della bocca.

Fieno greco – integratori

Spesso, molti integratori alimentari a base di fieno greco non sono di buona qualità, oppure non contengono una quantità sufficiente di principi attivi. Per acquistarli è quindi  opportuno rivolgersi a dei negozi di fiducia. Raccomandiamo l’acquisto di integratori di buona qualità e contenenti un minimo di 40% saponine.

Segnaliamo a chi fosse interessato la possibilità di acquistare online Fieno greco – Titolato al 50% in saponine.

Fieno greco – dosaggio

Come accade con  quasi tutti gli integratori alimentari, anche le “giuste” dosi di fieno greco variano  in relazione a diversi fattori (a seconda delle condizioni personali, dell’età,  del peso ecc..) . Comunque, in linea generale la dose iniziale raccomandata è di circa 1000 mg (2 capsule al giorno di Fieno greco – Titolato al 50% in saponine che viene commercializzato in compresse da 500mg l’una), il che equivale ad assumere 500mg di saponine al dì.

È possibile, sotto controllo medico, aumentare gradualmente la dose di fieno greco fino ad un totale di 4000mg al giorno di estratto titolato al 50% in saponine (equivalente a 2g di principio attivo). In alcuni paesi come l’India, vengono utilizzate dosi anche molto elevate in quanto il corpo tende ad assuefarsi alla sua assunzione e, di conseguenza, sono necessarie dosi più elevate per produrre agli stessi effetti. Ed è questa la ragione per cui, in genere, si consiglia  iniziare con basse dosi, e poi di aumentare gradualmente la dose fino a che non si raggiungono gli effetti desiderati.

Nel caso dell’integratore sopra citato, si consiglia una capsula al mattino a colazione, ed una capsula a pranzo, raggiungendo così la dose giornaliera di 1 grammo.  Si consiglia di deglutire le pillole con acqua o succo di frutta. E’ preferibile evitare di assumere integratori di  fieno greco la sera dopo le ore 16-17, in quanto le sue proprietà tonificanti ed energizzanti potrebbero disturbare il sonno.

Si consiglia di non superare le dosi raccomandate senza  aver prima consultato il medico.

Fieno greco – in associazione con altre piante

In relazione alle diverse ragioni per cui lo si utilizza, l’assunzione di fieno greco può essere fatta in combinazione con le seguenti piante medicinali:

  • maca e tribulus (per: aumentare la forza e resistenza fisica, l’energia, il livello di testosterone e per incrementare l’effetto anabolizzante);
  • pappa reale e spirulina (per potenziare il sistema immunitario,  per migliorare la digestione ed integrare vitamine e minerali);
  • in periodi di lattazione (allattamento al seno): il fieno greco si associa molto bene con la chlorella (una microalga verde ricchissima di clorofilla);
  • spirulinamaca (per integrare, proteine, minerali e vitamine);
  • ganoderma (nei periodi di nervosismo, di stress o di affaticamento);
  • curcuma e tribulus (per curare stipsi o problemi digestivi; anoressia e perdita di appetito).

Fieno greco – dove acquistare fieno greco

Il fieno greco è disponibile in negozi specializzati. Per avere maggiori garanzie sulla sua purezza, si raccomanda di acquistarloda un rivenditore «fidato». Va notato che  la maggior parte degli integratori a base di fieno greco  sul mercato non è  titolato al 40% in saponina  (glicosidi di origine vegetale) che sono responsabili di molte delle proprietà terapeutiche di questa pianta.

Un negozio affidabile dove  poter acquistare online un integratore alimentare di fieno greco, titolato al 50% in saponina: Fieno greco – Titolato al 50% in saponine.

Fieno greco – controindicazioni

E’ bene che non assumiate degli integratori a base di fieno greco se:

  • state prendendo warfarin (un farmaco anticoagulante):  il fieno greco può aumentare il rischio di sanguinamento;
  • state prendendo ciclofosfamide (un farmaco chemioterapico, antitumorale): il fieno greco può interferire con le azioni del ciclofosfamide;
  • avete un cancro ormone-sensibile: il fieno greco è un modulatore del recettore estrogenico, ed ha dimostrato di aumentare la crescita delle cellule del cancro al seno in vitro. [2]

Fieno greco – possibili effetti collaterali

Anche se è il fieno greco è una pianta medicinale molto sicura, a volte può causare alcuni effetti collaterali.

Se si soffre di allergia alle arachidi, bisognerebbe prestare particolare attenzione al fieno greco, magari iniziando ad assumerlo in piccole dosi: sono state segnalate delle reazioni allergiche tra cui rinorrea, dispnea, intorpidimento di testa, angioedema del viso e svenimenti  a seguito di inalazione e applicazioni esterne di polvere di semi di fieno greco.

Anche le persone con problemi intestinali dovrebbero iniziare con piccole dosi, in quanto il fieno greco in dosi elevate può infiammare la mucosa intestinale.

Estratti di semi di fieno greco hanno causato nei topi delle anomalie dello sviluppo, ma questo non è stato dimostrato negli esseri umani. [2]

Fieno greco – valori nutrizionali

Indichiamo la tabella della composizione alimentare del fieno greco dell’ U.S.D.A. (United States Department of Agriculture – Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti d’America).

nutrienteUnitàValore per 100 gcucchiaino
3.7g
cucchiai
11.1g
Acquag8.840,330.98
Energiakcal3231236
Proteineg23.000.852.55
Lipidi totali (grasso)g6.410,240.71
Carboidrati, per differenzag58.352.166.48
Fibra, alimentare totaleg24.60.92.7
Calcio, Camg176720
Ferro, Femg33.531.243.72
Magnesio, Mgmg191721
Fosforo, Pmg2961133
Potassio, Kmg7702885
Sodio, Namg6727
Zinco, Znmg2,500.090,28
La vitamina C, acido ascorbico totalemg3.00.10.3
Tiaminamg0,3220,0120,036
Riboflavinamg0,3660.0140,041
Niacinamg1.6400,0610,182
Vitamina B-6mg0.6000,0220,067
Folato, DFEmcg5726
Vitamina B-12mcg0.000.000.00
Vitamina A, RAEmcg300
Vitamina A, IUIU6027
Vitamina D (D2 + D3)mcg0.00.00.0
Vitamina DIU000
Acidi grassi, saturi totaleg1.4600,0540,162
Acidi grassi trans totaleg0.0000.0000.000
Colesterolomg000

Fieno greco – altri nomi con cui è conosciuto

La pianta viene utilizzata in tutto il mondo.  Indichiamo  di seguito (come curiosità) alcuni dei vari  altri nomi con cui  la trigonella foenum-graecum L  è conosciuta nel mondo.

Altri nomi per il fieno greco
Latino:Trigonella foenum-graecum L .; sperma Foenugraeci (per il seme)
Amarico / etiope:
AbishItaliano:fieno Greco
Arabo:
Hulba,
Hilbeh
Giapponese:
Koroha
Cinese:Hu-lu-ba,
Hu-lu-pa,
K’u-Tou
Norvegese:Bukkehonrkløver
Olandese:Fenegriek
Portoghese:
Alforva,
Feno-Grego
Farsi:
Sambelilé
Russo:
Pazhitnik,
Pazhitnik Grecheskiy,
Sambala
Finlandese:
Sarviapila
Sanscrito:
Methi,
Methika,
Peetbeeja
Francese:
Fenugrec,
Sénegré,
Trigonelle
Spagnolo:
Alholva,
Fenogreco
Tedesco:Bockshornsamen (seme),
Bockshorklee,
Griechisches Heu
Swahili:
Uwatu
Ebraico:Hilbeh
Svedese:
Bockshornklee
Bockhornsklöver
Ungherese:Görögszéna
Turco:
cemen

Fonte: Kellymom.com [3]

Fieno greco - riferimenti bibliografici

[1] http://www.webmd.com/vitamins-supplements/ingredientmono-733-fenugreek.aspx?activeingredientid=733&

[2] https://www.mskcc.org/cancer-care/integrative-medicine/herbs/fenugreek

[3] http://kellymom.com/bf/can-i-breastfeed/herbs/fenugreek/

Approfondimenti