Filtri HEPA per condizionatori e purificatori

Se sei in procinto di acquistare un purificatore d’aria, probabilmente avrai già sentito parlare di filtri HEPA.

Ma probabilmente ti starai anche chiedendo quali sono le sue caratteristiche tipiche, e cosa renda lo renda migliore di un altro filtro. Vorrai avere delle informazioni sul funzionamento di un filtro HEPA, che vadano al di la delle descrizioni standardizzate che trovi sulle pagine di presentazione degli apparecchi che utilizzano questi filtri.

Filtri HEPA per condizionatori e purificatori_hp

 

Ancor più per il fatto che i filtri HEPA vengono impiegati in ambiti diversi e perché hanno moltissime possibilità di utilizzo. In questo articolo noi parleremo solo dei filtri HEPA per l’inquinamento dell’aria 

I filtri HEPA

Nell’ambito dei sistemi di purificazione dell’aria, la tecnologia «principe» é la tecnologia dei filtri HEPA .

HEPA è l’acronimo di High Efficiency Particulate Air filter che, tradotto in italiano “suona” all’incirca come filtro dell’aria ad alta efficenza per i particolati: anche se occorre precisare che in realtà i filtri HEPA vengono utilizzati sia con i gas che con le sostanze allo stato liquido, ovvero con tutti i fluidi.

I filtri HEPA vengono utilizzati in ambito civile, sia domestico che industriale. Ma anche in campo militare: infatti loro primo utilizzo su larga scala avvenne per la realizzazione delle maschere anti-gas durante la prima guerra mondiale.

Questi filtri vengono chiamati anche «filtri assoluti», in quanto hanno una efficienza di filtrazione molto elevata.

Come funziona un filtro HEPA

Per dirla in parole semplici, il filtro HEPA applicato ai purificatori d’aria riesce ad intrappolare in una complessa rete di fibre, gli agenti inquinanti, ed il particolato.

A seconda delle dimensioni delle varie particelle, questi agenti possono venire bloccati nel filtro in quattro modi diversi:

  • per impatto,
  • per inerzia,
  • per diffusione,
  • per intercettazione.

I particolati più grandi, vengono bloccati dal filtro per impatto o intercettazione.

Le particelle di medie dimensioni vengono intercettate, ovvero restano intrappolate tra le maglie del filtro.

Mentre le particelle più piccole, vengono rallentate per diffusione ed abbattute per inerzia.

HEPA: norme di riferimento

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non tutti i filtri HEPA sono uguali. Esistono delle differenze significative nella loro composizione e nelle loro modalità di utilizzo.

Per poter essere legittimamente qualificati con la sigla HEPA, i filtri devono essere in grado di bloccare il 99,97 delle particelle aventi un diametro maggiore o uguale a 0,3 micro.

Nella realtà, i migliori filtri si spingono ben oltre i 0,3 micro, che rappresenta il diametro minimo richiesto ad un filtro HEPA.

La normativa UNI EN 1822 definisce quali sono i test che i filtri devono superare per essere definiti HEPA.

Come  emerge anche dalla tabella sottostante, i filtri HEPA vengono divisi in diversi classi, ciascuna con caratteristiche e con prestazioni crescenti, da E10 ad H14.

Integral ValueLocal Value
 Filter Class Collection Efficiency %Penetration % Collection Efficiency %Penetration %
E108515
E11955
E1299,50,5
H1399,950,0599,750,25
H1499,9950,00599,9750,025

Ricorda che tutte queste caratteristiche e prestazioni, si riferiscono al filtraggio di un’elemento avente un diametro uguale o minore a 0,3 micron.

Magari ti starai domandando a cosa corrispondano  0,3 micron o, più in generale, «quanto sia piccolo un micron».

A questo riguardo sappi che noi, ad occhio nudo noi non possiamo vedere nulla di piccolo di 10 micron.

Quindi, solo per darti un’idea, devi sapere che si tratta di particelle microscopiche (non rilevabili dall’occhio umano) aventi i diametri indicati nella tabella.

 Diametro minimo [micron] Diametro massimo [micron]
Spore340
Batteri0,360
Emissioni auto1150
Ossigeno0.00050.0005

Comunque, in linea generale i filtri HEPA non assorbono gli odori emessi dalle sostanze organiche e, quindi non possono essere utilmente impiegati per eliminare gli odori emessi dalle muffe, dagli animali domestici, ecc.

Ed é per questa ragione che, spesso, i filtri HEPA vengono fatti lavorare in abbinamento ad un filtro a carboni attivi, il quale viene posizionato a monte.

HEPA significa sicurezza

Ci sono diverse tecnologie di filtri per purificare l’aria. In ambito domestico vengono comunemente utilizzate le tecnologie -tanto per citarne alcune- seguenti:

  • ai carboni attivi,
  • ionizzante,
  • all’ozono,
  • a raggi ultravioletti.
  • e quella HEPA,

Alcuni purificatori utilizzano diverse tecnologie in combinazione tra di loro. Mentre altri purificatori si affidano ad una sola tecnologia.

Ad ogni modo, quale che sia il purificatore d’aria o il condizionatore che si é deciso di acquistare, è bene sapere a cosa si va incontro: scegliendo un prodotto con tecnologia HEPA,

  • sai  esattamente cosa aspettarti, in quanto sai cosa prevede la normativa di riferimento e sai quindi che, sotto questo profilo, non avrai delle sorprese (negative);
  • sia che si tratti di un solo filtro HEPA, sia di un filtro HEPA abbinato ad altre tecnologie di filtraggio, sai che l’aria che respirerai sarà più pulita e fresca.

A tutto beneficio della tua salute e del tuo benessere.

Potrebbe piacerti anche