Kettlebell, quale comprare

Sei stanco di dover per forza andare in palestra per allenarti? Non hai mai preso in considerazione la possibilità di allernati a casa tua? Se si, potresti domandarti di quali attrezzi ed accessori potresti dover aver bisogno per crearti un tua (piccola) palestra personale. In tal caso, il primo acquisto te lo suggerisco io: il kettlebell!

kettlebell quale comprare

Come ben saprai, il kettlebell é un grosso peso, a forma di pallone in ghisa (o anche in acciaio) con una sola maniglia.

E’ l’attrezzo ideale per te se vuoi fare degli esercizi cardio o rassodare i muscoli. Bastano appena 15 minuti con il kettlebell, ed avrai bruciato tante calorie quante ne bruceresti in un’ora di esercizi a corpo libero in uno dei tanti corsi di ginnastica che si tengono in palestra.

Infatti, il kettlebell è uno strumento molto versatile che può essere utilizzato in tanti modi diversi, dagli squat alle oscillazioni. Se fossi  interessato alla scelta di un kettlebell che possa fare al caso tuo, sarebbe opportuno che prima prendessi in considerazione alcuni elementi.

Se hai cominciato ad informarti o navigato un po su internet sicuramente ti sarai accorto che esistono diverse aziende, più o meno note, che producono e che commercializzano i kettlebell. In questo articolo puoi trovare le informazioni che ti servono per fare la scelta migliore. Una volta che ti sarà chiaro cosa cercare esattamente, vedrai che l’acquisto «giusto» diventerà facilissimo.

Caratteristiche tecniche delle kettlebell

Ecco alcune delle caratteristiche da non scordarsi di prendere in considerazione al momento della scelta o dell’acquisto di un kettlebell

l’impugnatura

  • L’unico punto di contatto tra te e questo attrezzo è la sua impugnatura.
  • E’ molto importante che questa sia ben salda, per la sicurezza tua e per quella di chi ti sta attorno.
  • Ecco una prima cosa da tener presente: le maniglie a bullone non sono una buona soluzione.
  • Poi ti consiglio di cercarne un’impugnatura con una struttura ben calibrata: va bene una maniglia che non sia completamente liscia, perché altrimenti correrai il rischio che il kettlebell ti scivoli di mano durante l’allenamento. D’altra parte, se la maniglia è troppo ruvida, potrebbe farti male alla pelle. La soluzione migliore sta in una giusta via di mezzo.
  • Assicurati anche che l’impugnatura sia della giusta misura per le tue caratteristiche: se fosse troppo corta e tu avessi delle mani molto grosse, rischieresti di non riuscire ad avere una giusta presa.
  • Anche il diametro dell’impugnatura va ben valutato: deve essere in grado di rafforzare le dita, gli avambracci, le mani e i polsi, senza che ci si debba allungare eccessivamente rischiando uno stiramento.

lo spazio tra l’impugnatura e la sfera

  • La distanza tra l’impugnatura e la sfera è un altro fattore da considerare attentamente.
  • Infatti, se non c’è  uno spazio sufficiente, la mano rischia di sentirsi schiacciata e gli esercizi ne risentirebbero.
  • La distanza standard, che di solito viene consigliata, è di 5.5 cm.

la durabilità (durevolezza) del kettlebell

  • Il materiale migliore per il tuo kettlebell è la ghisa: non c’è materiale che possa battere la ghisa in robustezza e durabilità.
  • Ti consiglio di optare per un kettlebell che sia rivestito in vinile o smalto, così che possa avere una buona protezione contro gli agenti esterni che potrebbero causarne la ruggine.
  • I kettlebell in plastica non sono particolarmente resistenti.
  • I kettlebell in acciaio non vanno bene se intendi utilizzarli all’esterno.
  • I kettlebell regolabili tendono a perdere il loro peso specifico col tempo.
  • Quelli ricoperti in gomma possono causare un effetto-rimbalzo indesiderato.

la sua maniglia

  • Assicurati che la maniglia del kettlebell sia in acciaio e che ben fissato alla campana,
  • e che abbia una presa adatta alla tua mano per evitare che ti scivoli.
  • Ricordati che una maniglia deve essere anche facile da pulire, e che tracce o residui di sudore potrebbero rendere l’attrezzo poco maneggevole.

Come scegliere un kettlebell

Combinando queste informazioni e questi consigli sul come scegliere il kettlebell più adatto in relazione alle tue caratteristiche ed alle tue esigenze d’allenamento,  sono sicuro che riuscirai a trovare esattamente quello che potrà soddisfarti per quanto riguarda il tuo fitness.

Comunque -è bene ripetere – che per le ragioni che ti ho appena spiegato sopra, il migliore kettlebell che potrai trovare sul mercato è quello di ghisa. Non si tratta solo del materiale più sicuro e resistente ma anche del più duttile per tutti i tipi di esercizi che vuoi compiere, incluso il lancio del kettlebell.

Indipendentemente dal suo peso, cerca dei kettlebell che siano tutti della stessa dimensione. Ciò renderà il tuo training più coerente così che- mentre ti stai allenando, tu non debba cambiare posizione o tecnica.

Con quale peso iniziare

Il peso «giusto» varia da soggetto a soggetto in relazione a diversi fattori.

Comunque, per iniziare ad allenarti l’ideale sarebbe quel kettlebell che ti permette di fare almeno otto oscillazioni senza doverti sforzare. In linea di massima,

  • alle donne è consigliabile che incomincino con dei kettlebell da 6-8 chili,
  • gli uomini possono partire da quelli che pesano 12-16 chili.

Alcuni modelli consigliati

Potrebbe esserti utile anche la seguente breve rassegna di kettlebell che a me paiono particolarmente interessanti.

Utilizzo del kettlebell

Ecco alcuni consigli utili per iniziare ad allenarti col kettlebell.

  • Se sei un principiante e ti stai approcciando ai kettlebell per la prima volta, ti consiglio di partire da senza esagerare, senza voler strafare.
  • Quando ti sentirai più forte e più sicuro di te, potrai passare a dei kettlebell anche più pesanti.
  • Una volta che sarai  in grado di fare una serie di 100 oscillazioni senza sentirti stanco o provato, vorrà dire che sei pronto a passare alla misura superiore.
  • Non cominciare con dei pesi eccessivi, ricorda che il vero segreto di chi vuole rassodare o aumentare i suoi muscoli è quello di costruire la massa lentamente ma costantemente.
Questo articolo, scritto per Segreti del benessere da , è stato pubblicato su questo sito il ed aggiornato il Nov 5, 2018.
Link pubblicitario

Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli...