Le micosi: cause, sintomi, cure e rimedi naturali

Anche il piede d’atleta (tinea pedis) è una micosi. Viene chiamata così perché colpisce spesso quelle persone che praticano un’attività sportiva indossando delle scarpe chiuse e poco traspiranti, ed in tal modo creano un ambiente umido che favorisce la proliferazione di funghi.

micosi

Le micosi

Le micosi

Le micosi sono delle infezioni dovute a funghi microscopici che possono colpire diverse parti del corpo.

Riguardano principalmente la pelle, le unghie di mani e piedi (in questo caso si parla di onicomicosi). Ma anche i tessuti molli, quali possono essere le mucose della bocca o delle parti intime.

Le forme più gravi colpiscono di solito i soggetti che soffrono di deficit immunitari, mentre le forme più comuni sono le infezioni della pelle e quelle delle unghie.

Possono essere superficiali o sottocutanee ma comunque limitate al derma. Oppure possono essere sistemiche dovute a patogeni primari che riguardano gli organi interni.

In questo articolo noi non parleremo delle micosi sistemiche, ma solamente delle micosi superficiali, cutanee e sottocutanee.

Le loro principali cause

Le principali cause della micosi

Le micosi sono causate nella maggior parte dei casi dalla presenza sulla pelle, di muffe, di lieviti e di funghi.

Un esempio tipico è la candida, un lievito che di norma appartiene alla flora batterica naturale dell’organismo umano ma che, in alcune condizioni può alterarsi, proliferare esageratamente, e diventare patogeno provocando conseguentemente delle infezioni genitali ed intestinali, degli eczemi, delle dermatiti.

In genere, la micosi si sviluppa a seguito di un contatto tra il microrganismo responsabile dell’infezione, e la nostra pelle in un punto in cui questa è priva del normale strato protettivo.

Questo contatto può riferirsi a del materiale infetto, quale potrebbe essere il terreno o un prodotto vegetale. In alcuni casi il fungo della pelle può venire anche trasmesso dagli animali o dalle persone per contagio diretto.

I fattori di rischio che comportano una maggiore predisposizione alle infezioni fungine sono dovute a scarse condizioni igieniche, ad un’eccessiva umidità della pelle dovuta magari ad una sudorazione eccessiva, alla temperatura elevata, o all’utilizzo di detergenti troppo aggressivi.

Anche il diabete e l’obesità possono favorire la proliferazione delle micosi, così come le terapie farmacologiche prolungate, specialmente se queste sono a base di antibiotici e di antinfiammatori che provocano un’abbassamento del nostro sistema immunitario naturale.

Ma anche alcune alterazioni ormonali, come la gravidanza e la menopausa, possono provocare un’alterazione del pH naturale della pelle, e creare quindi un’ambiente favorevole allo sviluppo della micosi.

I lori sintomi più comuni

I sintomi più comuni delle micosi

Una micosi superficiale generalmente si manifesta con delle lesioni che compaiono sulla pelle: rosse, brune o talvolta chiare, quasi sempre a forma circolare, a volte accompagnate da piccole bolle e da una sensazione di bruciore.

Le zone colpite possono riguardare il viso, oppure le braccia, le gambe ed il tronco. La micosi delle unghie può manifestarsi alla base, o al di sotto, delle unghie delle mani e dei piedi.

Nell’arco di circa una decina di giorni, queste lesioni tendono ad aumentare di numero, e ad allargarsi.

Le infezioni sottocutanee si presentano sotto forma di ascessi o di lesioni: comunque più rilevanti di quelle causate da una micosi superficiale.

micosi_unghie

Come curarle

Come curare la micosi

Le modalità per curare le micosi si basano soprattutto sull’utilizzo di farmaci antimicotici per uso locale – creme, gel o polveri – . In alcuni casi anche di prodotti da assumere per via orale.

Il principio attivo dei farmaci antimicotici può essere di origine naturale o chimica. In ogni caso, per curarle è sempre necessario un trattamento piuttosto prolungato, talvolta anche di oltre un mese.

Tra i trattamenti naturali più efficaci per curare la micosi e le infezioni della pelle, c’é l’olio essenziale di tea tree, molto utilizzato per il trattamento locale di questo tipo di problemi.

E tuttavia raccomandabile di non utilizzarlo puro: nel caso di infezioni vaginali specialmente, è bene consultare il medico per la scelta di un prodotto specifico.

E’ sempre comunque molto importante rivolgersi al proprio medico di fiducia per avere delle indicazioni circa una cura antimicotica efficace, specialmente in presenza di infezioni delle mucose, della bocca e della vagina.

In alcuni casi infatti, potrebbe essere necessario un’esame dermatologico più approfondito al fine di individuare la natura esatta dell’infezione, e di stabilire il trattamento più idoneo.

Anche perché i farmaci antimicotici e antifungini – soprattutto quelli da assumere per via orale – talvolta provocano degli effetti collaterali o effetti indesiderati: per tale ragione è sempre opportuno utilizzarli seguendo le indicazioni del medico di fiducia o del dermatologo.

Alcuni prodotti utili per trattarle

Alcuni prodotti per il trattamento della micosi

Certamente a molti potranno interessare alcuni prodotti, utili al trattamento delle micosi, che la nostra redazione ha selezionato tra quelli attualmente in commercio.

La prevenzione

La prevenzione delle infezioni micotiche

Un modo per contrastare il formarsi delle micosi è quello di prevenirle, evitando che possano svilupparsi in un ambiente adatto alla proliferazione di funghi e microrganismi.

A tal fine, per prima cosa è necessario osservare un’igiene scrupolosa, senza però far ricorso a dei prodotti irritanti e aggressivi e con l’accortezza di asciugare perfettamente l’epidermide.

I neonati che hanno il pannolino sono spesso soggetti ad irritazioni ed a dermatiti causate da funghi: per contrastarle, occorre cambiare spesso il piccolo e lavarlo con acqua e bicarbonato.

Chi frequenta le piscine, le palestre e le spiagge dovrebbe evitare di camminare scalzo.

Un’altra precauzione, utile soprattutto alle persone che hanno una pelle particolarmente sensibile, consiste nell’evitare l’uso condiviso di asciugamani e di biancheria anche in ambito familiare.

Occorre anche sottoporre regolarmente gli animali domestici a visite ed a controlli, specialmente i cuccioli.

In ogni caso, un’alimentazione equilibrata è un’ottima cura per la micosi. Vanno privilegiati gli alimenti freschi, ridotti i dolci ed i prodotti lievitati.

In buona sostanza, occorre comunque mantenere la flora batterica intestinale e la pelle in ottima salute.

Per avere la sicurezza di seguire un regime alimentare equilibrato, si consiglia di chiedere la consulenza del medico o di un nutrizionista.

Alcuni rimedi naturali

Alcuni rimedi naturali per trattare le micosi

Oltre ai farmaci convenzionali, contro i  i funghi e le micosi esistono anche molti rimedi naturali “fai da te” che in alcune situazioni possono esserci di grande aiuto.

L’aceto di vino è un eccellente antimuffa; è ideale per disinfettare la pelle ed i capelli, e per contrastare il formarsi di onicomicosi (micosi delle unghie) nei piedi e nelle mani.

Aglio, chiodi di garofano, e succo di limone sono degli ottimi antibatterici naturali: un composto creato con questi tre ingredienti e lasciato macerare per qualche ora è utile per disinfettare le unghie e la pelle.

Il tea tree oil, ovvero l’olio essenziale di melaleuca é, come si è detto,  un antimicotico e antibatterico potente, utile anche in caso di herpes e di dermatiti di varia origine: tuttavia poiché tende a seccare la pelle si consiglia di utilizzarlo in abbinamento ad una crema lenitiva alla calendula.

Anche l’estratto di semi di pompelmo svolge un’azione disinfettante ed antimicotica, sia per uso locale che interno: in commercio è disponibile sia in gocce da applicare sulla pelle infettata dalla micosi, sia sotto forma di estratto secco da assumere per via orale, con un effetto rafforzante del sistema immunitario.

Potresti essere interessato anche a:

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.

Questo articolo di Elisa è stato pubblicato in data 6 giugno 2018 e aggiornato in data 9 giugno 2018.

Sei pregato di leggere attentamente il disclamer medico  e l'informativa sulle affiliazioni.

Contenuti corrispondenti