Come misurare la pressione a casa propria: i vantaggi e gli svantaggi

Misurare la pressione a casa propria offre molti vantaggi, ma anche qualche inconveniente. Per ridurre gli inconvenienti ed eseguirla correttamente, é utile tener conto anche dei piccoli accorgimenti che illustreremo in questo articolo.

Per quali ragioni misurare la pressione a casa propria

Perché il medico potrebbe chiederci di misurare la pressione arteriosa con regolarità, in modo da tenere sotto controllo i risultati del trattamento che ci ha prescritto contro l’ipertensione, oppure lo stato di salute in generale.

Perché la pressione alta (ipertensione) nella maggior parte dei casi é una condizione asintomatica che può essere anche grave, e che potrebbe anche essere l’anticamera di danni irreparabili, per cui diventa importante monitorarla frequentemente e correttamente.

Perché una singola misurazione di pressione può (per molte ragioni) rilevare – rispetto alle precedenti o alle successive misurazioni –  delle oscillazioni di valori anche forti e quindi è utile poterla misurare regolarmente in condizioni ottimali stando tranquillamente a casa propria.

Perché la propria abitazione è il posto ideale per effettuare le rilevazioni con la frequenza desiderata: sempre agli stessi orari e sempre nelle stesse condizioni.

Perciò occorre un misuratore di pressione che sia preciso, che sia comodo da usare, che ci faciliti nell’eventuale attività di registrazione dei risultati ottenuti.

Il monitoraggio nel tempo delle misurazioni dei valori pressori

Da quanto appena detto, si può facilmente intuire che quando si tratta di misurare la pressione arteriosa, due sono i principali elementi da prendere in considerazione.

  • Il primo elemento, è dato dai valori assoluti della pressione minima e della pressione massima che si rilevano di volta in volta.
  • Il secondo, è dato dal loro andamento nel tempo.

Per tenere monitorato l’andamento di questi valori nel corso dei mesi e degli anni, è indispensabile registrare/memorizzare le singole misurazioni da qualche parte: su foglietti da compilare manualmente, oppure mediante le alternative che la tecnologia ci consente.

I vantaggi del misurare i valori della pressione a casa propria

Per tutta una serie di ragioni è indubbiamente molto utile poter misurare la propria pressione da soli, a casa propria. Perchè,

  • si può avere un quadro della pressione sanguigna in relazione alla quotidianità della vita di ogni giorno, e quindi sapere anche quando ed in quali circostanze, questa tende a salire oppure a scendere;
  • si può constatare se la pressione è più o meno alta quando la si misura misura a casa propria, piuttosto che quando la misura il medico (per esempio a causa dell’agitazione);
  • si può osservare quale incidenza hanno avuto i farmaci, e le modifiche apportate dai cambiamenti di stili di vita al nostro sistema cardiocircolatorio.

Ma non solo per questa regioni:

  • molti trovano che il monitorare la pressione sanguigna a casa propria, dia la sensazione di avere un maggior controllo sulla propria salute;
  • le misurazioni fatte a casa, e di volta in volta e regolarmente registrate, danno al medico un quadro più completo sul come la pressione evolve nel tempo (il famoso trend di cui abbiamo parlato sopra).

Possibili inconvenienti nel misurare da soli la pressione a casa

Come appena detto, misurare la pressione sanguigna stando a casa propria può essere molto utile, ma non per tutti è sempre così:

  • alcune persone diventano più ansiose quando si tratta di auto-misurarla;
  • altre si fanno prendere dalla smania di fare troppe rilevazioni,
  • e tutto ciò non serve ad altro se non a generare confusione, ed a far impazzire se stessi ed il medico.

Per questo ragione, prima di acquistare un misuratore di pressione, chiedetevi se rilevarla a casa vostra può farvi sentire rilassati, o più o meno preoccupati.

Nel secondo caso, sappiate che vi restano comunque altre opzioni: vi resta il vostro medico, la farmacia, ecc.

Un altro problema legato alla misurazione della pressione a casa propria è che molti, prima di usare un (qualsiasi) misuratore, non leggono (oppure non le seguono) le indicazioni sul come fare correttamente le misurazioni, e questo fatto porta a spesso a delle rilevazioni sbagliate.

Come scegliere un misuratore di pressione arteriosa ad uso domestico

Sul mercato è possibile trovare una vasta gamma di strumenti “casalinghi” di misurazione di pressione arteriosa tra cui poter scegliere.

La cosa più importante è avere la certezza che si tratti di un apparecchio preciso: se optate per dei marchi noti – quali Beurer, Omron, Laica, Gima, ad esempio – andate a colpo quasi sicuro!.

Tra i tanti ed i diversi tipi di misuratori di pressione arteriosa per l’auto-misurazione (quella casalinga, in particolare), il mio consiglio è di utilizzare un misuratore di pressione automatico (digitale).

Ed anche scegliere un dispositivo che misuri la pressione sanguigna al braccio (con bracciale), piuttosto che un misuratore da polso o da dito, in quanto quelli da braccio di solito rilevano i dati in modo più accurato.

In ogni caso, prima di fare un acquisto assicuratevi,

  • che il misuratore sia preciso, oppure orientatevi su delle marche note e su prodotti di media o medio-alta qualità;
  • che il misuratore sia certificato CE;
  • nel caso optaste per un misuratore di pressione da braccio, assicuratevi che la dimensione del suo bracciale sia quella giusta per voi perché, se utilizzate un bracciale la cui dimensione non è adatta a voi, la lettura della pressione sanguigna non sarà corretta.
    • La maggior parte degli apparecchi per casa, è dotata di un bracciale di medie dimensioni, adatto alla stragrande maggioranza delle persone di taglia media.
    • Se siete obesi, o se dove acquistare un misuratore che debba essere utilizzato anche sui bambini, ricordatevi di verificare sempre la compatibilità del bracciale.

Quanto può costare un misuratore di pressione arteriosa

Il prezzo dei misuratori di pressione è legato a molti fattori.

Di solito, il prezzo di quelli digitali è legato al numero delle funzioni extra che hanno: ad esempio, la memoria, l’interconnettività, ecc.

Comunque tutto ciò che serve, è un apparecchio per le rilevazioni che sia affidabile e preciso, una carta ed una penna: le altre funzioni supplementari possono essere utili, ma non sono strettamente necessarie.

Perciò, potete tranquillamente scegliere l’apparecchio per misurare la pressione che economicamente vi potete permettere.

La calibrazione del misuratore di pressione

Considerato che un apparecchio digitale funziona in modo automatico, questo dovrà essere ricalibrato almeno una volta ogni due anni per essere sicuri che stia dando sempre dei risultati precisi.

Prezzi e offerte online di alcuni misuratori di pressione selezionati dalla redazione

Potrà di certo interessare a molte la seguente breve rassegna di alcuni tra i più interessanti misuratori di pressione, di alcuni dei marchi più prestigiosi del settore, che oggi vanno per la maggiore.

Riferimenti bibliografici

  1. Measuring Your Blood Pressure at Home https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMH0041082/
  2. Mallick S, Kanthety R, Rahman M., https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27051984
  3. Donald W McKay, PhD Marshall Godwin, MD CCFP and Arun Chockalingam, PhD FACC, Practical advice for home blood pressure measurement https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2650763/
Questo articolo, scritto per Segreti del benessere da , è stato pubblicato su questo sito il ed aggiornato il Gen 3, 2019.
Link pubblicitario

Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli...