Olio di cocco per la cura dei capelli e della pelle

L’olio di cocco viene ricavato dalla pressatura della polpa bianca e fibrosa della noce di cocco. In virtù delle sue caratteristiche lo si utilizza, oltre che nell’alimentazione, anche nei prodotti di bellezza naturali. A temperatura ambiente l’olio ha una consistenza solida, simile a quella del burro, mentre quando supera i 20 gradi centigradi assume un forma liquida oleosa.

E’ un ottimo idratante per la pelle, ed è ottimo per i capelli sopratutto. Ha proprietà antibatteriche, proprietà antimicotiche e, secondo molti, ha anche un gradevole odore.

Nel sud-est asiatico, ed in particolare in Thailandia, gli abitanti lo adoperano da migliaia di anni nella preparazione dei cibi, mentre è grazie agli indiani che  ha preso piede il suo utilizzo per la cura dei capelli. Un’altro uso storico di quest’olio è quello per la cura delle ferite, in particolare dei tagli.

Quale olio scegliere

Per avere un olio di cocco di alta qualità, occorre controllare l’etichetta sulla sua confezione e scegliere olio extra-vergine (ovvero quello estratto per spremitura e non mischiato con solventi chimici) di origine biologica (ovvero privo di tracce di pesticidi o fertilizzanti).

Un’ottimo olio extra vergine, biologico e puro, preparato a freddo ed imbottigliato nella zona di produzione, e quindi privo di trattamenti che ne compromettano o modifichino le qualità intrinseche, lo trovate qui: Olio di Cocco 500 ml Extra Vergine Biologico Crudo. Quest’olio può essere utilizzato sia come alimentare preparazione di dolci e torte, sia in campo cosmetico, nella preparazione di lozioni per i capelli o di detergenti naturali.

Salute e benessere capelli e cuoio capelluto

L’ olio di cocco favorisce una sana crescita dei capelli, dando loro brillantezza e consistenza. E’ efficace nel contrastare la perdita di proteine, perdita che li lascia sciupati e spenti. Conseguemtemente è molto utilizzato nella produzione di balsami e di lozioni contro la forfora.  [1]

L’olio di cocco viene anche utilizzato per eliminare i pidocchi: la sua consistenza li soffoca e li uccide, ed i pidocchi quindi si staccano dal cuoio capelluto. Per aumentare l’efficacia dell’olio contro i pidocchi,  il mio consiglio è quello di creare una miscela di olio di cocco e olio di neem in proporzione  di 100 a 1,  da applicarsi sul cuoio capelluto prima dello shampoo.

Chi ha problemi di forfora o il cuoio capelluto secco, trarrà molti benefici nel massaggiarsi la testa per qualche minuto con l’olio e nell’avvolgerla poi -per qualche minuto- in un asciugamano prima di fare lo sciampo. Addirittura, c’é chi lascia che l’olio esplichi la sua azione per tutta la notte. In tal caso, però, sarà necessario applicare l’olio sui capelli, indossare una cuffia per la doccia, e dormire con la testa appoggiata su  di un asciugamano per non danneggiare il cuscino. Per aumentare l’azione antiforfora, si consiglia di abbinare l’olio di cocco all’olio essenziale di albero del tè.

Ma è anche possibile utilizzare il cocco per creare uno shampoo tonificante: mescolate 50 ml di latte di cocco con 150 ml di shampoo neutro, un cucchiaio di olio di cocco, e 1-2 cucchiai di olio di mandorle. Se poi volete dare un tocco unico a questo shampoo, potete  aggiungetevi qualche goccia di olio essenziale.

Salute e benessere di pelle viso, mani, e di  unghie

Olio di cocco per la cura dei capelli e della pelle. Foto di: mealmakeovermoms, distribuita con licenza Creative Commons (BY-ND)
Foto di: mealmakeovermoms, distribuita con licenza Creative Commons (BY-ND)

Grazie alle sue molteplici proprietà -idratanti, antiossidanti, antibatteriche ed antimiotiche – l’olio di cocco ha il suo principale utilizzo non alimentare, nella cura della pelle:

  • Per proteggere le mani da fattori stressanti, quali il freddo e lo smog.  A tal fine si consiglia di mescolare un pò di olio con della cera d’api (in proporzione  di 6 a 1). Per dare un tocco di personalità, laddove  lo desideraste, potete anche qui aggiungere alla miscela 1-2 gocce di olio essenziale.
  • Applicato sul viso e sul corpo, grazie agli antiossidanti ed alle sue proprietà antibatteriche, l’olio di cocco aiuta la pelle a restare giovane ed a guarire dalle piccole infiammazioni e irritazioni in corso. Applicatelo sul viso o sul corpo, dopo la doccia, massagiandone una piccola quantità sulla pelle umida. Molte donne utilizzano questo semplice rimedio naturale come crema idratante per la faccia. D’inverno, l’olio di cocco può essere applicato in piccole quantità, sulle labbra per proteggerle e curarle da eventuali screpolature. Molti operatori del settore, utilizzano per i loro massaggi una miscela di olio di cocco e  di olii essenziali.
  • Applicato sotto gli occhi. Provate a passare una piccola quantità di olio di cocco sulle occhiaie e sulle borse, noterete una leggera attenuazione di questi inestetismi.
  • Applicato sulle unghie, un impacco con olio (lasciato che agisca per almeno un’ora o, ancor meglio, per una notte intera) è in grado di rafforzare le unghie e  di renderle più belle.

Qualità detergenti e struccanti

L’olio di cocco rappresenta un’ottima alternativa naturale ai prodotti struccanti bifasici, anche per i trucchi resistenti all’acqua. Basterà applicarlo in piccole quantità su viso per mezzo di un batuffolo di cotone leggermente inumidito. Terminata l’asportazione, risciacquate il viso con dell’acqua e quindi asciugatevi.

Cura delle ferite

Grazie alla sue proprietà antibatteriche, l’olio di cocco è  utilizzato per curare le ferite sin dall’antichità. Inoltre, la vitamina E, gli acidi laurico, caprilico e caprico, contenuti nell’olio di cocco, aiutano la cicatrizzazione delle ferite. [2]

Riferimenti bibliografici

[1] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12715094

[2] http://www.donnamoderna.com/salute/utilizzi-olio-di-cocco/photo/L-olio-di-cocco-guarisce-le-ferite

Approfondimenti