Porpora trombocitopenica idiopatica

La porpora trombocitopenica idiopatica (PTI)  – (detta anche porpora trombocitopenica immune, trombocitopenia autoimmune, morbo di Werlhof), é una malattia autoimmune che si caratterizza per la distruzione delle piastrine da parte di autoanticorpi, distruzione che porta alla formazione di lividi ed a sanguinamenti eccessivi.

porpora-trombocitopenica
fonte immagine: www.guidausofarmaci.it

Questa malattia ha un un nome “complicato”. Analizziamolo e  capiremo meglio di che malattia si tratta.

  • per porpora, in campo medico si intende una condizione caratterizzata da macchie, di dimensioni variabili, che la cute assume per l’accumulo anomalo del sangue;
  • trombocitopenica, significa che ha a che fare con una conta piastrinica particolarmente bassa: le piastrine sono le cellule del sangue che coadiuvano la formazione del coagulo e, nei soggetti normali. questa conta piastrinica varia tra 150.000 e 400.000/mmc. Le cause di trombocitopenia possono essere diverse:una ridotta produzione a base congenita o acquisita, ad un’aumentata distruzione di tipo immunologico ed altre ancora;
  • idiopatica, significa relativo ad una malattia della quale non si conosce la causa.

La porpora trombocitopenica idiopatica (PTI) non è una malattia ereditaria e comunque non è contagiosa.

Link pubblicitario

E’ una malattia che,

  • colpisce sia i bambini che gli adulti;
  • i più piccoli solitamente la sviluppano dopo un’infezione virale, e solitamente si riprendono del tutto senza bisogno di cure;
  • negli adulti invece, il disturbo si protrae per più tempo e non sembra essere correlato a delle infezioni.

Quando sono necessari dei trattamenti

Se non hai dei segni di sanguinamento, e se la tua conta piastrinica non è troppo bassa, è probabile che tu non necessiti di nessun trattamento.

In rari casi invece, la conta piastrina può essere talmente bassa che provoca delle emorragie interne molto pericolose: in questi casi potrebbero essere necessari dei trattamenti con immunoglobuline ad alte dosi per via endovenosa, e con corticosteroidi.

Link pubblicitario

Un’emorragia che si presenti come difficile da fermare, potrebbe costituire una segnale della presenza di porpora trombocitopenica idiopatica.

Le cause possibili

In alcune persone, la trombocitopenia è causata dal sistema immunitario stesso, che per “sbaglio” attacca e distrugge le piastrine del sangue: la causa di questa reazione immunitaria è sconosciuta.

Nei bambini, la porpora trombocitopenica idiopatica, è una condizione che va considerata diversamente, rispetto a quella degli adulti.

  • Nella maggior parte dei bambini malati di porpora trombocitopenica idiopatica, come già detto, questa è solitamente provocata da un’infezione virale, dagli orecchioni o dall’influenza, che innescano un malfunzionamento del sistema immunitario.
  • La malattia nei bambini dura di solito 6-8 settimane, e se ne va via senza alcun trattamento.
  • Negli adulti invece, di solito è una condizione permanente.

I suoi sintomi

La porpora trombocitopenica idiopatica (PTI) non provoca dolori. Potrebbe comportare un’affaticamento o dei problemi legati alla concentrazione. Ma potrebbe anche non causare nessun altro sintomo. Quando non è così, gli altri possibili sintomi possono essere costituiti,

  • da dei lividi frequenti, e facili da provocare (porpora);
  • da un sanguinamento superficiale della pelle che si manifesta con le petecchie -che sono dei puntini violacei o rossi, delle microemorragie puntiformi- che compaiono solitamente nelle parti inferiori delle gambe;
  • da un sanguinamento gengivale o nasale;
  • dalla presenza di sangue nelle urine o nelle feci;
  • da un ciclo mestruale particolarmente intenso.

Le possibili complicanze  

Le complicanze di questa malattia sono legate sopratutto alla quantità delle piastrine circolanti nel sangue. Queste complicanze si possono eventualmente prevenire con l’aiuto del proprio medico.

Link pubblicitario

Una rara complicanza della porpora trombocitopenica idiomatica è l’emorragia cerebrale, che potrebbe risultare fatale.

Link pubblicitario

Potresti essere interessato anche a:

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.

Questo articolo di BFC è stato pubblicato in data 8 settembre 2017 e aggiornato in data 18 settembre 2017.

Sei pregato di leggere attentamente il disclamer medico  e l'informativa sulle affiliazioni.

Contenuti corrispondenti

Loading...

Link pubblicitario

Indica quali sono i

temi di tuoi interesse:

Restiamo in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Ora sei abbonato alla newsletter di Segreti del Benessere. Insieme, stiamo costruendo una grande comunità di persone interessate al benessere. E tu ne fai parte.
Dovresti trovarci nella tua casella di posta ogni sabato mattina alle 8:00 a.m. Se non ricevi l'email, ti preghiamo di controllare la cartella spam o promozioni e di "spostarci" nella tua casella di posta principale per assicurarti di riceverla ogni weekend.

Lasciaci il tuo feedback

Quanto è stato utile questo articolo?
 

Lasciaci il tuo feedback

Questo articolo si basa su studi condotti da esperti e contiene riferimenti scientifici. 

Il nostro team di redattori si sforza di essere obiettivo, imparziale, onesto e di presentare entrambi i lati dell'argomento.

I numeri tra parentesi (1, 2, 3) sono collegamenti cliccabili che riportano ai riferimenti bibliografici dove sono presenti i link ai documenti scientifici utilizzati per redarre l'articolo.

Gli articoli presenti sul sito Segretidelbenessere.it sono revisionati da personale medico, ricercatori oppure verificati per accertarne la qualità e la correttezza.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di ricerca delle fonti e effettuiamo aggiornamenti e revisioni continue per migliorare costantemente la qualità del sito.

Se ritieni che uno dei nostri articoli sia impreciso, non aggiornato o comunque discutibile, ti preghiamo di contattarci attraverso il modulo di feedback presente in fondo a questa pagina.

Al fine di preservare la qualità, il 95% dei contenuti pubblicati su Segreti del benessere è indipendente dagli interessi degli inserzionisti e dei produttori di beni e servizi. 

 

I contenuti pubblicati da - o per - conto di persone che intrattengono un legame personale o economico con il prodotto recensito o l'azienda produttrice sono consentiti solo in determinate circostanze e la loro natura è sempre esplicitamente dichiarata con l'etichetta "Contiene contenuto pubblicitario".

Indica quali sono i

temi di tuoi interesse:

Dedica 5 minuti alla settimana in più al tuo benessere

Unisciti alla community e ricevi la nostra newsletter settimanale

Ora sei abbonato alla newsletter di Segreti del Benessere. Insieme, stiamo costruendo una grande comunità di persone interessate al benessere. E tu ne fai parte.
Dovresti trovarci nella tua casella di posta ogni sabato mattina alle 8:00 a.m. Se non ricevi l'email, ti preghiamo di controllare la cartella spam o promozioni e di "spostarci" nella tua casella di posta principale per assicurarti di riceverla ogni weekend.