Scarpe da running Salomon

Che si opti per l’asfalto, la pista o un fondo sterrato; che si decida di correre nel tempo libero o in una gara professionistica, le scarpe running Salomon si adattano bene a qualsiasi persona ed a qualsiasi modo di correre.

Il marchio Salomon

Il marchio Salomon

Salomon è un’importante brand specializzato in attrezzature ed abbigliamento sportivo, invernali sopratutto.

La Salomon Inizia la sua attività in Francia nel 1947 producendo lamine per gli sci, e poi anche attacchi per sci. Nel 1979 fa il suo ingresso nel mercato degli scarponi da sci. Nel 1991 inizia la sua avventura nel mondo delle scarpe da trekking e da alpinismo ed invernali; poi  anche scarpe da trail running, nordic walking o trekking e così via.

Oggi appartiene ad una multinazionale finlandese, la Amer Sports che ha sede a Ogden nello Utah, ma la sua sede di progettazione è rimasta la cittadina francese di Annecy, vero e proprio motivo di orgoglio per la cittadina.

Oltre che nello campo delle scarpe da sci e da snowboarding, oggi Salomon è attiva in diversi settori sportivi, tra cui appunto nella produzione e commercializzazione delle scarpe da running, di cui può vantare una vasta scelta.

Le scarpe running Salomon offrono un valido supporto per ogni tipo di running, dalle prime corse amatoriali alla maratona!

Vediamo ora un po’ più nel dettaglio le caratteristiche specifiche alcuni modelli di scarpe running Salomon, e i loro differenti utilizzi anche nei terreni più difficili.

Come scegliere una scarpa running

Come scegliere una scarpa running

Prima però di addentrarci a descrivere le offerta del brand Salomon, ricordiamo che non tutti i modelli di scarpe running sono uguali e, soprattutto, che è soggettiva la sensazione che ogni scarpa ci dà una volta indossata.

Per questo consigliamo di tener conto al momento della scelta di alcuni fattori, di considerare soprattutto,

la forma del piede

  • Ogni piede ha una forma diversa, c’è chi ha una pianta larga e chi invece ha la pianta stretta.
  • produttori di scarpe mettono sul mercato modelli adatti a qualsiasi tipo di esigenza in questo senso, ma per capire se il modello è quello giusto, occorre prestare attenzione al tipo ed alla taglia della scarpa che si intende indossare.

la vestibilità della scarpa

  • La vestibilità è legata al tipo di appoggio del piede quando si corre.
  • A questo proposito, quando si parla di pronazione (l’appoggio del piede all’interno della caviglia) o di supinazione (appoggio esterno dell’avampiede) non si parla tanto difetti da correggere, quanto degli stili di corsa che vanno “vestiti” con una scarpa adatta.

il suo peso

  • Le scarpe da running pesano di norma, dai 200 a oltre i 300 grammi l’una.
  • Va da sé che, più veloce deve essere la corsa che si fa, più leggera dev’essere la scarpa.

il suo prezzo

  • Anche se è comprensibile che il contenimento dei costi sia un fattore importante per molti, anche la salute del piede non va mai trascurata specie quando si fa sport.
  • Difficilmente si trova una buona scarpa running al di sotto degli 80 euro.
Le soluzioni tecnologiche di Salomon

Le soluzioni tecnologiche sviluppata da Salomon

Se si è alla ricerca di un paio di scarpe da running – evidentemente anche di quella targate Salomon –  inevitabilmente ci si trova a leggere delle specifiche o delle recensioni (come la nostra) in cui vengono continuamente richiamati i vari brevetti e le diverse tecnologie sviluppate da produttori.

Per rendere la lettura di questo articolo più facile e soprattutto per migliorarne la comprensione, illustriamo in modo sintetico i vari brevetti e i vari nomi delle tecnologie sviluppate dalla Salomon.

La tecnologia Salomon Contagrip, relativa alle suole

La tecnologia Salomon Contagrip è nata per dare alle scarpe trazione e durevolezza in ogni condizione di terreno: che tu stia camminando oppure correndo, Salomon Contagrip ti dà sempre comfort, controllo e protezione.

Il successo della tecnologia Contagrip di Salomon è il risultato di un giusto mix di densità, di composizione e di geometrie.

Quanto alla loro densità: ogni suola è composta da sette diverse densità per ottimizzare l’aderenza e la durata della scarpa.

quanto alla composizione: ogni suola è fatta con 20 componenti diversi.

Quanto alle geometrie, tre sono le versioni delle suole della scopre Salomon,

  • la mountain Contagrip, una suola realizzata pensando all’impegno offroad più tecnico, dotata di alette frenanti, di una presa eccellente e di anse profonde;
  • la water Contagrip, una suola pensata per l’utilizzo sul bagnato, realizzata in materiale idrofobo, con un profilo drenante per l’acqua, un’ottima presa sulle superfici bagnate;
  • la running Contagrip, una suola dotata di una presa eccellente, di alette frenanti affidabili, di scanalature flessibili nell’avampiede, ed un’aletta multidirezionale.

Le altre soluzioni tecnologiche della Salomon

Le altre sue innovative soluzioni tecnologiche sono,

  • la Lightweight Muscle – Si tratta di un composto in schiuma leggera e flessibile, utilizzato per la realizzazione della suola, che assicura una corsa confortevole senza sacrificare il controllo sui terreni più difficili.
  • la Quicklace™ –  E’ un sistema brevettato da Salomon – compatibile con le gamme Salomon Footwear e le scarpe Nordic – che permette di regolare i lacci al volo con semplicità, garantendo un’allacciatura salda.

  • la EnergyCell+ – La tecnologia EnergyCell +  si riferisce ad un composto dell’intersuola a rimbalzo elevato, che offre un eccezionale ritorno di energia e che, allo stesso tempo offre una notevole ammortizzazione e durata.
  • la EndoFit™ – Si tratta di un manicotto progettato per “abbracciare” il piede esattamente nei punti giusti, e migliorare quindi il feedback e il footwrapping.
  • la Vibe – La Vibe Technology è la combinazione di EnergyCell +, Opal. E’ un’assemblaggio unico, che porta ad avere un sistema per attenuare le vibrazioni riducendo – nel mentre fornisce una corsa reattiva – un’eventuale carico potenzialmente dannoso per il corpo.
Le offerte della Salomon

Alcune scarpe running proposte dalla Salomon particolarmente interessanti

La scarpa Salomon Speedcross 4 Wide

Si tratta – come il suo nome lascia intuire – della quarta versione di una scarpa “iconica” la quale promette di offrire divertimento all’ennesima potenza.

La sicurezza. La sicurezza è l’aspetto più importante al quale ogni corridore deve prestare attenzione durante la corsa.

Questa calzatura sportiva è stata ideata per essere utilizzata sui terreni irregolari, come i terreni off-road, i sentieri e le montagne: rispetto ad altri tipi di superfici, correre su questi terreni é più difficile a causa di diversi ostacoli quali le rocce, il fango, la neve e l’acqua.

La scarpa Speedcross è infatti indicata per correre su brevi distanze e su sentieri o percorsi off-road: per correre su questo tipo di superfici, è fondamentale utilizzare una scarpa comoda e sicura, con un’ottimo grip.

La suola. Questa scarpa da running fornisce il giusto supporto per conquistare ogni sentiero, grazie alla tecnologia Premium Wet Traction Contagrip®, presente nella suola.

L’intesuola. L’intersuola invece unisce un’EVA sagomata, leggera, stabile e ammortizzante, alla schiuma Lightweight Muscle, che attutisce l’impatto col terreno.

La soletta. La versione 4 Wide ci offre inoltre comfort e protezione grazie al sottopiede in OrthoLite®, una speciale soletta che combina una schiuma specifica a un contrafforte del tallone in EVA.

La schiuma OrthoLite® crea sotto il piede un ambiente fresco, asciutto, salubre e ammortizzato, senza mai perdere di efficacia.

Mentre il contrafforte (il rinforzo) del tallone in EVA offre un maggiore sostegno ed una maggiore ammortizzazione.

La protezione è invece garantita dal suo parafango, ovvero da un rinforzo intorno alla base della scarpa.

La tomaia. In tessuto con rinforzi Sensifit, parafango e protezione sulla punta in un poliuretano termoplastico (TPU). Pesa appena 250 grammi nella versione donna, quindi un peso perfetto per chi predilige correre sulla distanza anche su terreni off road.

Il sistema Quicklace. Il sistema Quicklace permette di allacciare le stringhe velocemente, garantendo un buon supporto ed una buona stabilità.

La calzata. La sua calzata ampia le conferisce comodità, e consente un’utilizzo agevole della scarpa anche da parte di chi  ha piedi con la pianta larga.

L’altezza del tallone. In entrambe le versioni, per uomo e per donna, l’altezza del tallone di questa scarpa da trail misura 30 mm.

Si tratta di un’altezza sufficiente a fornire una buona protezione al tallone, soprattutto nel caso in cui si calpestino dei piccoli massi.

Inoltre, permette di affrontare più facilmente i terreni non pianeggianti.

Il drop. Il drop di 10 millimetri -di norma medio alto in una running da pista – garantisce tuttavia un’ammortizzazione ideale per il tipo di terreno che si va ad affrontare, senza interferire minimamente con il comfort della calzata.

Il costo. L’alta concentrazione in questa scarpa di più elementi tecnici, fa sì che il prezzo delle Salomon Speedcross sia piuttosto elevato per una scarpa running; tuttavia si tratta di una costo che vale la pena sostenere se si predilige il trail running.

L’usura della scarpa. Altra nota dolente – che però non dipende strettamente dal produttore, quanto piuttosto dal tipo di uso che viene fatto delle Speedcross – è l’usura rapida a cui è soggetta questa scarpa, soprattutto se amate correre le lunghe distanze.

No products found.

In conclusione, la Salomon Speedcross 4 Wide è una scarpa da trail running in grado di offrire un buon comfort ed un’elevata trazione. E’ particolarmente indicata per correre su superfici non pianeggianti, in qualunque condizione atmosferica.

La scarpa Salomon S/LAB Speed 2

La Salomon S-Lab Speed 2 è una scarpa che è stata progettata per essere usata sui terreni morbidi, quindi è una buona opzione per chi corre su fondi bagnati o fangosi.

La suola. A differenza del modello precedentemente analizzato, la sua suola garantisce con il composto Premium Wet Traction Contagrip® un grip eccellente in sentieri scivolosi ma poco tecnici,

L’intersuola. L’intersuola è realizzata con la tecnologia EnergyCell+: é ad alto potere reattivo, e consente un’elevata restituzione di energia, oltre ad una buona ammortizzazione e ad una maggiore durata. A questa tecnologia, nella suola si affianca una parte in EVA compressa a doppia densità, in modo da garantire sempre il massimo del comfort e aumentare la stabilità.

La fodera interna. La fodera interna EndoFit™ avvolge il piede e lo mantiene saldo all’interno della scarpa, migliorando la sensazione di stabilità all’interno della scarpa.

La tomaia. La tomaia resiste agli strappi ed offre un’ottima traspirabilità ed una buona durata, anche se la scarpa viene utilizzata su terreni accidentati, e piuttosto frequentemente.

La vestibilità. Il sistema Sensifit garantisce la vestibilità, e mantiene il piede saldo all’interno della scarpa, mentre il Quicklace -il meccanismo di allacciatura semplice da utilizzare – si adatta al design minimalista di questo modello.

I lacci possono essere riposti in una tasca apposita grazie al Pocket Lace System.

La traspirabilità. Lo strato in mesh traspirante ad asciugatura rapida, dà resistenza all’abrasione e grande traspirabilità.

L’ammortizzazione. La S-Lab Speed 2 di Salomon è una scarpa particolarmente indicata per i “corridori neutri”; dispone infatti di una minima capacità di ammortizzare (rispetto ai modelli simili dello stesso brand) essendo progettata per correre su superfici morbide. Tuttavia, il cosiddetto rock plate (un sottile inserto di plastica rigida che ha principalmente lo scopo di proteggere il piede dalle asperità del suolo) aumenta il supporto e la stabilità. In definitiva, una scarpa con ridotto supporto mediale che incoraggia il naturale movimento dei piedi.

Il peso. Con un peso di circa 260gr può, a pieno titolo, essere definita leggera. Il che è abbastanza sorprendente considerando che possiede un’intersuola in schiuma EVA a doppia densità.

La rigidità. Questa scarpa presenta una rigidità media, quindi un buon compromesso tra struttura e flessibilità.

La stabilità. La stabilità di questo modello è minima, non essendo tra le principali prerogative che il tipo di terreno adatto a questa scarpa (sterrati e terreni morbidi) richiede. Nonostante la sua ammortizzazione ridotta, non ne risente il comfort, uno dei cavalli di battaglia di Salomon, che offre sempre un fit adeguato ai suoi clienti.

Il prezzo. Il prezzo, infine, è un altro punto di forza di questo modello: pur non essendo una scarpa economica in senso classico, la Salomon S-Lab, grazie al livello di tecnologia impiegato per la sua messa a punto, rappresenta comunque un ottimo investimento, capace di durare anche nel tempo.

La scarpa Salomon XA Pro 3D

La Salomon XA 3D è dotata di un rivestimento impermeabile in Gore-Tex , che la rende una scarpa running ideale per le condizioni atmosferiche estreme.

Il Gore-Tex. Il Gore-Tex, infatti, offre elevata protezione quando si corre in condizioni di bagnato, rimanendo allo stesso tempo traspirante e comodo.

La suola. La suola è costituita da Premium Wet Traction combinato con Contagrip®, per offrirvi un’esperienza di corsa sempre ottimale in qualsiasi condizione atmosferica.

L’ammortizzazione ed il comfort. L’ammortizzazione ed il comfort sono garantiti dall’unione di tre particolari sistemi che costituiscono l’intersuola: EnergyCell, EVA iniettata, EVA compressa.

Il telaio. Il telaio 3D a basso profilo tra l’intersuola e la suola, aumenta la sicurezza, la gestione dell’energia, il controllo del movimento, e la stabilità in modo da consentire delle buone prestazioni.

Inoltre ottimizza la protezione del piede durante la fase di spinta in modo da agevolare elevate prestazioni ed elevata reattività durante la corsa.

I limiti delle Salomon XA Pro 3D. Questo modello di scarpa ha un costo piuttosto elevato, ed un peso non indifferente.

Per chi desidera correre sulla distanza, è una scarpa piuttosto stretta. Questo fatto però pareggia con la protezione del piede che é altrettanto importante.

Potresti essere interessato anche a:

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.

Questo articolo di Letizia R. è stato pubblicato in data 3 maggio 2018 e aggiornato in data 19 maggio 2018.

Contenuti corrispondenti

Sei pregato di leggere attentamente il disclamer medico  e l'informativa sulle affiliazioni.

Lasciaci il tuo feedback

Quanto è stato utile questo articolo?
 

Lasciaci il tuo feedback

Questo articolo si basa su studi condotti da esperti e contiene riferimenti scientifici. 

Il nostro team di redattori si sforza di essere obiettivo, imparziale, onesto e di presentare entrambi i lati dell'argomento.

I numeri tra parentesi (1, 2, 3) sono collegamenti cliccabili che riportano ai riferimenti bibliografici dove sono presenti i link ai documenti scientifici utilizzati per redarre l'articolo.

Gli articoli presenti sul sito Segretidelbenessere.it sono revisionati da personale medico, ricercatori oppure verificati per accertarne la qualità e la correttezza.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di ricerca delle fonti e effettuiamo aggiornamenti e revisioni continue per migliorare costantemente la qualità del sito.

Se ritieni che uno dei nostri articoli sia impreciso, non aggiornato o comunque discutibile, ti preghiamo di contattarci attraverso il modulo di feedback presente in fondo a questa pagina.

Al fine di preservare la qualità, il 95% dei contenuti pubblicati su Segreti del benessere è indipendente dagli interessi degli inserzionisti e dei produttori di beni e servizi. 

 

I contenuti pubblicati da - o per - conto di persone che intrattengono un legame personale o economico con il prodotto recensito o l'azienda produttrice sono consentiti solo in determinate circostanze e la loro natura è sempre esplicitamente dichiarata con l'etichetta "Contiene contenuto pubblicitario".

Indica quali sono i

temi di tuoi interesse:

Restiamo in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Ora sei abbonato alla newsletter di Segreti del Benessere. Insieme, stiamo costruendo una grande comunità di persone interessate al benessere. E tu ne fai parte.
Dovresti trovarci nella tua casella di posta ogni sabato mattina alle 8:00 a.m. Se non ricevi l'email, ti preghiamo di controllare la cartella spam o promozioni e di "spostarci" nella tua casella di posta principale per assicurarti di riceverla ogni weekend.

Indica quali sono i

temi di tuoi interesse:

Dedica 5 minuti alla settimana in più al tuo benessere

Unisciti alla community e ricevi la nostra newsletter settimanale

Ora sei abbonato alla newsletter di Segreti del Benessere. Insieme, stiamo costruendo una grande comunità di persone interessate al benessere. E tu ne fai parte.
Dovresti trovarci nella tua casella di posta ogni sabato mattina alle 8:00 a.m. Se non ricevi l'email, ti preghiamo di controllare la cartella spam o promozioni e di "spostarci" nella tua casella di posta principale per assicurarti di riceverla ogni weekend.