Tribulus terrestris (tribolo): proprietà, benefici ed effetti collaterali

L'azione stimolante nei riguardi della produzione di ormoni androgeni è quella proprietà per cui, malgrado ancora non ci siano conferme scientifiche, il tribulus terrestris viene oggi maggiormente apprezzato.

tribulus-terrestris

Il tribulus terrestris (tribolo)

Il tribulus terrestris, chiamato comunemente tribolo (ma anche tribolo comune, caciarello e vite puntura), è una pianta della famiglia delle Zygophyllaceae che cresce nelle regioni subtropicali di Asia orientale ed occidentale, nell’Europa meridionale ed in Africa.

Nella medicina tradizionale cinese è conosciuta col nome di Li bai ji. 

Nella farmacologia ayurvedica è conosciuta col nome sanscrito di gokshura, che vuol dire zoccolo di mucca.

Queste medicine tradizionali impiegano il tribolo per combattere dolori toracici, problemi cardiaci, vertigini, alcuni disturbi agli occhi, per espellere i calcoli renali, ed anche come diuretico e tonico.

Attualmente, il tribulus terrestris viene commercializzato anche come integratore alimentare per migliorare le funzioni sessuali, e per la «costruzione» del corpo.

Tutto ciò nella convinzione che all’interno del nostro corpo si comporti alla stregua del testosterone (tuttavia, questa sua caratteristica non ha ancora trovato conferme scientifiche).

Secondo due recenti studi scientifici sull’argomento, questa pianta potrebbe giovare a delle  disfunzioni sessuali femminili, ma sul punto sono però necessari altri studi su scala più ampia.

Da alcuni studi fatti in provetta e su degli animali, è emerso che il tribulus terrestris é utile per combattere la pressione alta, il diabete, le infiammazioni, le infezioni, ed il cancro.

A questo proposito il tribolo, è bene precisare che il tribolo non dovrebbe essere utilizzato dai malati di cancro alla prostata in ragione delle sue possibili attività ormonali. [2]

Suoi effetti benefici, e suoi utilizzi

Più o meno fondatamente, al tribulus terrestris vengono attribuiti effetti benefici:

nel trattamento del cancro

  • In studi fatti in laboratorio, il tribulus ha mostrato di svolgere un’attività anticancro.
  • Tuttavia, non è stato testato su degli esseri umani come un possibile trattamento del cancro.

nell’abbassamento della pressione del sangue

  • Alle persone che hanno una pressione minima alta l’estratto di tribulus terrestris può contribuire ad abbassarla.

nel miglioramento delle funzioni sessuali

  • Negli animali, il tribulus aumenta la produzione di spermatozoi.
  • Alcuni studi condotti su esseri umani sui suoi effetti sui loro livelli di testosterone, hanno prodotto dei dei risultati contrastanti.
  • E’ risultato, all’esito di due ricerche, che il tribolo può aiutare a trattare la disfunzione sessuale femminile (tuttavia per avere delle conferme, sono necessari studi più approfonditi e su una più larga scala).

nel miglioramento della forza e della massa muscolare

  • Occorre precisare in proposito che uno studio clinico non ha rilevato nessun cambiamento significativo nella forza muscolare conseguente all’utilizzo di tribulus.

nel trattamento di alcune infezioni

  • In alcuni studi fatti in laboratorio, il tribulus ha mostrato di avere delle proprietà nel trattamento delle infezioni da funghi o infezioni fungine (note anche come “infezioni micotiche” o “micosi”).
  • Ma non sono ancora stati fatti degli studi in proposito su degli esseri umani.

nella riduzione di alcuni dolori

  • In alcuni studi condotti in laboratorio, l’estratto di tribulus ha portato alla riduzione di infiammazioni dolorose: ma anche qui mancano studi su degli esseri umani.

nel trattamento dei calcoli renali

  • Il tribulus aiuta a mantenere stabile il flusso dell’urina e rilassa le membrane urinarie, riducendo dolori ed infiammazioni.
  • Inoltre, ha delle proprietà antibiotiche, e combatte le infezioni alla vescica.
  • Una capsula di tribulus terrestris può essere presa, una o due volte al giorno, per aiutare le funzioni renali. [3]

Gli integratori a base di estratti di tribolo

Se fossi interessato ad acquistare un integratore alimentare a base di tribulus terrestris è bene, a garanzia del suo elevato tasso di purezza, che verifichi che questo sia conforme alle norme BPF, e che sia stato regolarmente controllato (con emissione di un certificato d’analisi).

Ricordiamo che le BPF sono le “Buone Pratiche di fabbricazione” (BPF, bonnes pratiques de fabrication, in francese e GMP, good manufacturing practices, in inglese) e che sono adottate nell’industria farmaceutica europea.

  • Si tratta di prescrizioni che interessano chi produce dei medicamenti ad uso umano o veterinario.
  • Sono prescrizioni mirate a garantire produzioni di prodotti di qualità.
  • Si applicano ai prodotti farmaceutici.
  • Costituiscono spesso anche una referenza per le autorità preposte alla vigilanza in materia.

Le dosi più appropriate di tribulus terrestris, dipendono da diversi fattori come,

  • l’età della persona,
  • la sua salute,
  • e molte altre suecondizioni.

Per questa ragione, al momento mancano elementi sufficienti per fissare una gamma standardizzata di dosi tribulus terrestris che sia valida nella generalità dei casi.

Alcune avvertenze

Secondo la WebMD (una società americana che opera nel campo delle informazioni sulla salute e sul benessere), se assunti per via orale e per un breve periodo di tempo, gli integratori di tribulus sono da considerarsi sicuri per la maggior parte delle persone.

La loro sicurezza nel lungo termine, è però ancora sconosciuta. [2]

Anche se il tribulus terrestris appare ben tollerato e privo di effetti collaterali importanti, dovete comunque tenere sempre a mente che, anche le piante e le erbe naturali non sono necessariamente  sempre sicure: la loro somministrazione a determinati dosaggi (che evidentemente a priori non sempre sono ben valutabili) può avere a volte anche effetti importanti.

In ogni caso, cercate sempre di seguire le indicazioni riportate sulle etichette dei prodotti che acquistate.

Consultare il farmacista o medico o altro operatore sanitario prima di utilizzare prodotti per scopi non alimentari.

I suoi possibili effetti collaterali

Non bisognerebbe comunque assumere tribulus terrestris nelle seguenti situazioni o condizioni.

  • Quando state sta prendendo farmaci diuretici: il tribulus può aumentare gli effetti dei farmaci diuretici.
  • Quando state prendendo farmaci antipertensivi: il tribulus può avere l’effetto aggiuntivo di abbassare la pressione sanguigna.
  • Se state prendendo farmaci per la prevenzione di eventi aterotrombotici (cioè per problemi di coaguli del sangue ed di indurimento delle arterie).
  • Se siete nel periodi di gravidanza e allattamento: ricerche condotte su degli sembrano indicare che il tribulus possa danneggiare lo sviluppo del feto; invece non se ne sa ancora abbastanza sulla sicurezza del  tribulus durante l’allattamento. [2]
  • Se avete problemi alla prostata o il cancro della prostata: c’è il timore che il tribulus possa mutare alcune condizioni della prostata come l’ipertrofia prostatica benigna (BPH) in un cancro alla prostata; sembra poi che il tribulus possa aumentare il peso della prostata stessa.
  • Se avete il diabete o se state assumendo dei farmaci contro il diabete: il tribulus potrebbe diminuire i livelli di zucchero nel sangue, e ciò potrebbe necessitare di un aggiustamento delle dosi dei farmaci stessi.
  • Nel caso dobbiate essere sottoposti ad un intervento chirugico: come appena detto, il tribulus potrebbe influenzare i livelli di zucchero nel sangue, e ciò potrebbe interferire con i trattamenti pre e post interventi chirurgici; perciò, smettete di usare il tribulus almeno due settimane prima di un intervento chirurgico programmato.
  • Nel caso stiate assumendo dei farmaci da base di litio:  si tratta di farmaci elettivi nel trattamento del disturbo bipolare), ed il tribulus potrebbe avere un forte effetto diuretico, con la conseguenza di aumentare la quantità di litio nel corpo e di causare gravi effetti collaterali. [2]

Tribulus terrestris - riferimenti bibliografici

[2] http://www.webmd.com/vitamins-supplements/ingredientmono-39-tribulus.aspx?activeingredientid=39&activeingredientname=tribulus

[3] https://www.mskcc.org/cancer-care/integrative-medicine/herbs/tribulus-terrestris

Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli...